CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Processo rogo Ast, il pg della Cassazione: annullare le condanne

Cronaca e Attualità

Processo rogo Ast, il pg della Cassazione: annullare le condanne

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – E’ un destino, quello dei colpi di scena continui, nel lungo e complicato processo in corso a Torino nei confronti di sei ex dirigenti ternani, torinesi e tedeschi dell’Ast, per il rogo nell’acciaeria di Torino che la notte del 6 dicembre 2007 costò la vita a sette operai.

La Corte di cas­sa­zione di Torino, quarta sezione penale, si è riunita in giornata per decidere sulle con­danne inflitte in appello (ride­fi­nite e in qual­che caso dimi­nuite rispetto al primo grado) ai mana­ger nel pro­cesso di appello di un anno fa. Ebbene, pochi minuti fa, il sostituto pg della Cassazione, Paola Filippi, ha chiesto di annullare le condanne per tutti e sei gli imputati del processo Thyssen, per rideterminare le pene per i reati di omicidio colposo plurimo e per rivalutare il  diniego alle attenuanti per quattro degli imputati. Per il pg serve un terzo processo di appello. “Chiedo – ha detto la Filippi – che la Cassazione annulli con rinvio la sentenza e la determinazione delle pene del reato di omicidio plurimo in riferimento” ai sei imputati Harald Espenhahn, Gerald Priegnitz, Marco Pucci, Daniele Moroni, Giuseppe Salerno, Cosimo Cafueri.

I familiari delle vittime del rogo alla Thyssen di Torino sono usciti dall’aula in segno di protesta, alcuni gridando “venduti” e “vergogna” all’indirizzo dei giudici, altri scoppiando in lacrime.  Alcune madri, sorelle e moglie sono scoppiate in lacrime. In appello, la pena sta­bi­lita per l’ex ammi­ni­stra­tore dele­gato Harald Espe­n­hahn fu di 9 anni e 8 mesi; quella per Daniele Moroni di 7 anni e 6 mesi; quella per Raf­faele Salerno di 7 anni e 2 mesi; quelle per Marco Pucci e Gerald Prie­gnitz di 6 anni e 10 mesi e quella per Cosimo Cafueri di 6 anni e 8 mesi.

Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1