CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Processo Ast, Pucci e Moroni hanno ottenuto il trattamento di lavoro all’esterno ma ogni sera dovranno rientrare in carcere

EVIDENZA Cronaca e Attualità Terni Extra

Processo Ast, Pucci e Moroni hanno ottenuto il trattamento di lavoro all’esterno ma ogni sera dovranno rientrare in carcere

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Dopo circa 13 mesi di detenzione nel carcere di Terni, gli ingegneri ternani Marco Pucci (ex amministratore delegato di Ast) e Daniele Moroni (ex storico dirigente dell’acciaieria di viale Brin) stanno usufruendo da lunedì 5 giugno del cosiddetto trattamento di lavoro all’esterno, secondo l’articolo 21 dell’ordinamento penitenziario vigente, il numero 354 del 1975. Il provvedimento è stato disposto dalla direttrice del carcere ed approvato dal magistrato di sorveglianza.

Si tratta di una misura che non può dirsi alternativa alla detenzione (i due restiamo, infatti, detenuti), nè di riduzione della pena, ma di un elemento in qualche modo di tipo rieducativo, ottenuto dopo un determinato percorso di osservazione e comportamento. Pucci e Moroni hanno ottenuto un contratto di lavoro retribuito, attinente alle loro competenze tecniche, presso aziende locali e per il tempo strettamente necessario allo svolgimento del lavoro stesso, terminato il quale, ogni giorno, i due manager debbono fare rientro presso la casa circondariale.

Pucci e Moroni, rispettivamente 59 e 69 anni, stanno scontando la condanna inflitta loro dalla Corte di Cassazione di Torino il 13 maggio 2016 per omicidio colposo, in relazione allo spaventoso rogo all’Ast del capoluogo sabaudo che, nel dicembre 2007, costò la vita a 7 operai. Pucci deve scontare 6 anni e 10 mesi, Moroni 7 anni e mezzo. La mattina successiva alla sentenza, il 14 maggio, i due si presentarono di loro iniziativa – accompagnati dai propri legali – presso la questura di Terni per poi essere tradotti nella casa circondariale, dopo gli adempimenti di rito.

Marco Pucci

Marco Pucci

img_5044

Daniele Moroni

Le condanne, come noto, hanno riguardato anche altri 4 manager Ast, italiani e tedeschi: Harald Espenhahn (9 anni e 8 mesi), Raffaele Salerno (7 anni e 2 mesi), Cosimo Cafueri (6 anni e 8 mesi) e Gerald Priegnitz (6 anni e 10 mesi). I due manager tedeschi, da quanto risulta, sono ancora in libertà in base al sistema giudiziario del loro Paese.

IL MEMORIALE DI MORONI DAL CARCERE

LA LETTERA DI PUCCI DAL CARCERE

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere