CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, presidio e corteo alla Treofan: operai si incatenano al silo

Economia ed Imprese EVIDENZA Perugia Terni

Terni, presidio e corteo alla Treofan: operai si incatenano al silo

Redazione economia
Condividi

TERNI – Situazione tesissima alla Treofan dove nella mattina di lunedì, in coincidenza con l’arrivo in sede del liquidatore Ettore Del Borrello, nominato dalla Jindal per chiudere l’azienda è andata in scena un corteo che ha avuto il suo culmine con tre lavoratori che si sono incatenati sul silo della Moplefan.

Il liquidatore è stato accolto in sede a Piazzale Donegani  dipendenti, famiglie, sindacati, istituzioni e politici. Poi i lavoratori in corteo dalla portineria hanno raggiunto quella degli automezzi di strada di Sabbione, bloccando il traffico. “Giù le mani dalla Treofan” lo slogan gridato maggiormente coi lavoratori che nonostante la disponibilità all’ascolto del liquidatore hanno intenzione di difendere sino all’ultimo i loro diritti e 150 posti di lavoro che se non intercorreranno eventi entro 70 giorni, svaniranno nel nulla, lasciando sul lastrico le famiglie.

Rappresentanza politica bipartisan alla marcia: Virginio Caparvi e Valeria Alessandrini per la Lega, Walter Verini per il Pd, oltre al sindaco di Narni Francesco De Rebotti (Pd) e al vicesindaco della giunta di centrodestra di Terni Andrea Giuli. Nel primo pomeriggio il liquidatore incontrerà i segretari locali di Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil: “Sono uno che fa le cose con garbo e cerca di ascoltare”, ha detto brevemente ai cronisti. Ma è chiaro che i margini per ricomporre la cosa non sembrano tantissimi.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere