CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Presentato a Roma il programma della ‘Fondazione Aiutiamoli a Vivere’, incontro organizzato da Giulietti (Pd)

Politica Extra

Presentato a Roma il programma della ‘Fondazione Aiutiamoli a Vivere’, incontro organizzato da Giulietti (Pd)

Redazione
Condividi

ROMA – Centinaia di persone provenienti da tutta Italia hanno invaso lunedì la Camera dei Deputati. Proprio lunedì pomeriggio, si è svolto alle 15 l’incontro organizzato alla Camera dall’onorevole Giampiero Giulietti con la Fondazione Aiutiamoli a Vivere O.N.G. . “Raccontare il lavoro della Fondazione non è certo semplice – interviene subito Giampiero Giulietti – ma è invece facile comprendere l’amore e la voglia di vivere che essa trasmette. Comincio con il ringraziare alcune persone. Un saluto al vice sindaco di Terni Francesca Malafoglia, al dottor Mauro Antonelli capo della segreteria tecnica del ministro Maria Elena Boschi, all’onorevole Montroni Daniele e dal regista del documentario ‘Nascono i fiori’ Mauro Bartoli. Un saluto speciale a Stefano Lupi, grazie al quale ho conosciuto Fabrizio Pacifici, una persona dalla lucida e positiva follia che mi ha stupito per l’entusiasmo e la passione che ha. L’attività della Fondazione è importantissima perchè si occupa di bambini e adolescenti che vivono in zone di contaminazione radioattiva, di bambini con disabilità, di orfani, di bambini provenienti da famiglie socialmente svantaggiate. E la loro attenzione al tema delle adozioni non può essere sottovalutata”. Quindi parola a Fabrizio Pacifici: “Vorrei innanzitutto ringraziare Giulietti, per la possibilità che ci è stata data oggi, le istituzioni presenti anche nella figura del vice sindaco di Terni Francesca Malafoglia e tutte le associazioni presenti. Trenta anni fa il disastro di Chernobyl. Da allora ognuno di noi qui presenti ha vissuto momenti diversi, ma fra noi una cosa ci accomuna. Nel 1991 abbiamo iniziato un progetto voluto fortemente da Padre Vincenzo Bella. A lui va il mio vero ringraziamento. Lui mi ha fatto capire quanto sia importante aiutare il prossimo. Oggi siamo a circa350 associazioni, che tutte insieme hanno ospitato circa 36000 famiglie. A volte ci hanno accusato di aver strumentalizzato l’adozione dei ragazzi, ma noi siamo andati avanti e ora chiediamo più attenzione su questo tema”. E’ stato anche proiettato un docufilm con all’interno immagini e racconti personali provenienti da Chernobyl. Il regista del film Mauro Bartoli lo ha intitolato‘Nascono i fiori’ e ha spiegato: “Qualche hanno fa abbiamo deciso di raccontare una storia che via via avevamo scoperto e che abbiamo trovato meravigliosa. E’ nato così questo documentario che non racconta il durante del disastro nucleare, ma il dopo.” Anche Montroni ha portato i suoi saluti in rappresentanza delle realtà associative e istituzionali di Imola, luogo in cui ‘Nasconoi fiori’ ha preso forma. Poi Mauro Antonelli, a rappresentare il ministro Boschi: “Lavoreremo per trovare risposte concrete su untema come questo”. E infine il vice sindaco di Terni, che ha ringraziato Pacifici per l’attività che sta facendo.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere