CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Dramma povertà, dall’Umbria duemila domande per il Sia: l’Inps ne accetta solo 494

Perugia Cronaca e Attualità Terni

Dramma povertà, dall’Umbria duemila domande per il Sia: l’Inps ne accetta solo 494

Redazione
Condividi

PERUGIA – Il Sia, strumento per la lotta alla povertà, in Umbria non decolla.  Nella nostra regione sono state quasi duemila le domande presentate, ma soltanto 494 quelle accolte dall’Inps. E la Regione scende in campo «Abbiamo chiesto al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali di modificare alcuni criteri di accesso», dice l’assessore alla Sanità Luca Barberini, che ha partecipato alla Conferenza delle Regioni nella quale è stata sollevata la questione.

Mancanza «Dalla lettura dei flussi informativi pervenuti dalle Zone sociali dell’Umbria – spiega Barberini – emerge un quadro dinamico e in costante evoluzione, con molti cittadini in difficoltà per mancanza di lavoro o reddito insufficiente che hanno chiesto di accedere alle misure del Sia. In particolare, dal 2 settembre 2016, data di attivazione del programma, al 21 dicembre scorso, sono state 1.993 le domande presentate, 1.485 quelle trasmesse ad Inps dopo gli accertamenti sui requisiti effettuati dai Comuni, 224 in fase di istruttoria, 86 in corso di lavorazione da parte dell’Inps, 532 quelle rifiutate per mancanza dei requisiti dichiarati. Fra le richieste presentate, sono risultate 813 quelle da parte di cittadini che fanno un nuovo ingresso nei Servizi sociali territoriali e 1.180 quelle di persone già conosciute».

Evidenza «In questo contesto, dati alla mano – evidenzia l’assessore – abbiamo rilevato alcune criticità da superare per raggiungere un numero maggiore di persone in difficoltà. In particolare, abbiamo proposto di abbassare la scala di valutazione multidimensionale del bisogno, calcolata con punteggi attribuiti in base a diversi indicatori (numero figli minori, unico genitore con figli minorenni, nucleo con persone disabili, condizione economica, assenza di lavoro dei componenti in età attiva), portandola da 45 a 30 punti, contando così di raddoppiare la platea dei beneficiari: circa il 57 per cento delle domande, infatti, è stato escluso per il superamento di tale scala. Abbiamo anche evidenziato la necessità di fare in modo che il valore della ‘Carta Sia’ preveda una soglia d’ingresso maggiore per le famiglie più deboli, composte da un unico genitore e un figlio».

Deroghe Sia per il terremoto Barberini sottolinea inoltre, che «lo scorso mese di novembre, insieme all’assessore Paparelli, abbiamo inviato una lettera al ministro Poletti per chiedere alcune deroghe per l’accesso al Sia nazionale nelle zone terremotate: escludere dal computo dei redditi positivi gli immobili inagibili o danneggiati per effetto degli eventi sismici e abbattere la soglia dei 600 euro mensili di sussidi economici percepiti all’interno del nucleo familiare disagiato, perché spesso è previsto il contributo per l’autonoma sistemazione».

il Sia continua Barberini è «una misura nazionale di contrasto alle povertà che prevede l’attivazione, tramite Inps, di sussidi da un minimo di 160 a un massimo di 400 euro a nucleo familiare, per un periodo di 12 mesi, attraverso una card emessa da Poste Italiane Spa. I destinatari sono famiglie con minori, donne in attesa di un figlio e nuclei familiari con figli disabili con un Isee pari o inferiore a 3mila euro. È prevista l’erogazione di un contributo economico, a fronte dell’adesione a un programma sociale e lavorativo, attraverso il quale il cittadino s’impegna a superare la condizione di disagio. Per persone e famiglie escluse dai benefici del SIA, come adulti senza figli minori o con bambini, ma con un Isee superiore 3mila euro, la Regione Umbria ha esteso le misure nazionali, ampliando la platea dei destinatari e il parametro Isee, con 12 milioni di euro provenienti da fondi europei. Per questa misura è stato predisposto il ‘Sia Più’ che partirà nei prossimi mesi, gestito congiuntamente dagli Assessorati regionali al Sociale e allo Sviluppo economico».

Risorse L’assessore infine sottolinea che «nel corso di un recente incontro delle Regioni con il ministro Poletti, è stato annunciato che nel 2017 il fondo destinato al Sia verrà incrementato con risorse pari a mezzo miliardo di euro, passando così da 1 miliardo a 1 miliardo e 500 milioni di euro, che per l’Umbria potrebbe significare circa 16 milioni di euro in più a sostegno delle famiglie disagiate». Per l’assessore, infine, «l’elevato numero di domande pervenute ai servizi sociali dei Comuni umbri per accedere al Sia, è il segno che la partecipazione dell’iniziativa sui territori ha funzionato, che gli operatori delle zone sociali hanno svolto un buon lavoro e che i cittadini sono stati ben informati circa le opportunità offerte da questo strumento importante per la lotta all’esclusione sociale, oltre a rappresentare una situazione di palese difficoltà e disagio anche per effetto della crisi economica in corso».