CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Più di 2.000 euro raccolti con l’asta delle opere degli studenti dell’ABA di Perugia

Perugia Cultura e Spettacolo Varie Extra Città

Più di 2.000 euro raccolti con l’asta delle opere degli studenti dell’ABA di Perugia

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – Sono 2.280 gli euro raccolti in meno di tre giorni: tanto ha reso l’asta di beneficenza realizzata con le opere degli studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”, una somma che sarà interamente devoluta all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia per sostenere l’emergenza Covid-19.

Un risultato che ha reso più che soddisfatti gli stessi studenti ed ex studenti che l’hanno organizzata in collaborazione con Quadro Zero, realtà che promuove i giovani artisti delle Accademie attraverso i social. Tra incisioni, sculture, grafiche, collage, fotografie e opere pittoriche sono state una settantina le opere messe in vendita attraverso il social di Instagram, con l’hashtag #ABAXPG. Il merito del nobile gesto va a due intraprendenti artisti in erba: Giulio Buchicchio, diplomato in Scenografia e Vincenzo Alessandria, studente al II anno di Design, che per la prima volta hanno dato vita ad un’asta online per vendere le opere di giovani talenti.

“Siamo davvero entusiasti dell’ottimo risultato ottenuto – commenta Giulio BuchicchioLa grande partecipazione a questa causa ci riempie di gioia. Per noi era importante dare un contributo concreto per fronteggiare l’emergenza Covid-19, crediamo fortemente nell’assoluto valore della solidarietà e conl’impegno di artisti e donatori ci siamo riusciti. Grazie all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” che ha sostenuto questa nostra iniziativa, speriamo possa essere una delle tante promosse dagli studenti. È stato stupendo vedere tanto interesse per l’arte e per i singoli artisti. La nostra Accademia è ricca di talenti, e il nostro obiettivo è quello di renderli visibili anche al di fuori della sfera accademica. Quadro Zero sta lavorando con artisti provenienti da tutte le accademie d’Italia e non, per promuovere e valorizzare artisti emergenti. A tal riguardo, abbiamo intenzione di organizzare delle mostre con la collaborazione di diverse realtà, in modo da catapultare Quadro Zero, e gli artisti stessi, fuori dal mondo virtuale per immergerli in quello reale”.

Molto soddisfatto dell’iniziativa anche il direttore Emidio De Albentiis: “Si tratta dell’ennesima piacevole conferma del valore umano, artistico e culturale dei nostri studenti e del loro modo di partecipare alla vita sociale del Paese in un momento così difficile come questo. L’Accademia è stata ben lieta di offrire il suo sostegno, ma il merito va ascritto interamente a entrambi i ragazzi e ai numerosi studenti che hanno generosamente donato i loro lavori per l’asta benefica”.

La somma verrà erogata dai singoli acquirenti tramite bonifico bancario direttamente sul conto dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere