domenica 29 Maggio 2022 - 05:20
18.1 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Perugia, violenza sulle donne: il centrodestra propone corsi per formare la coppia perfetta

La singolare proposta dei consiglieri di maggioranza del Comune di Perugia Cristina Casaioli e Massimo Pici per combattere la violenza di genere

PERUGIA – Sta facendo il giro d’Italia, tanto da essere finita anche sulle colonne de L’Espresso la singolare proposta dei consiglieri di maggioranza del Comune di Perugia Cristina Casaioli e Massimo Pici per combattere la violenza di genere. Non un forte affidamento ai centri antiviolenza, che evidentemente non sono sufficientemente vicini politicamente ma corsi prematrimoniali ‘per un matrimonio consapevole, coinvolgimento delle forze dell’ordine per corsi  rivolti ai giovani, ma soprattutto la mirabolante idea di offrire vacanze premio alle coppie in crisi, hai visto mai che il sole di Riccione o le nevi di Courmayeur abbiano potere taumaturgico e spengano i bollenti spiriti di chi è solito picchiare le donne.

Il progetto

“Finché violenza non ci separi”, questo il nome della proposta di ordine del giorno discussa il 5 ottobre a Palazzo dei Priori, si rivolge, per stessa ammissione dei proponenti, non alla tutela delle donne, ma ‘delle persone’, indicate come “rapporti sbilanciati o malati” che interessano i “soggetti che subiscono violenza”. Si parla sempre di coppia, mai della donna. Una delle soluzioni proposte è quella di “costruire un percorso prematrimoniale o preconvivenza a disposizione di tutte le coppie, all’interno del quale fornire utili indizi ad entrambi i soggetti, dando conto di elementi ed indicatori che caratterizzano i cosiddetti “rapporti sbilanciati o malati”. n caso di comparsa di segnali di un rapporto sbilanciato, lo scopo è quello di informare e formare, dando magari consapevolezza a chi è già dentro il tunnel della paura”. Non è chiaro chi debba tenere questi corsi, ma lo scopo sarebbe quello di costruire un ‘matrimonio consapevole’. Come se bastasse un corso per essere certi che non ci sarà violenza domestica

Vacanze e regali per chi partecipa

Come invitare le coppie a partecipare? Ma naturalmente offrendo loro straordinari ingressi gratis a cinema o musei oppure soggiorni presso ‘appartamenti in altre città, per le coppie in difficoltà che dovessero avere la necessità di staccare la spina”. Lo scopo, come ha spiegato la referente di una delle associazioni coinvolte sarebbe “Favorire il percorso della coppia che va verso la convivenza, il percorso laico che affianca quello religioso. Portiamo la coppia in un luogo esteriore in cui possa condividere, dialogare e amare quello che l’altro vuole fare, “come la pesca sportiva o altre attività” (sic!)

 

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]