CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, violenza e atti persecutori contro familiari e vicini: stretta della Questura

Cronaca e Attualità

Perugia, violenza e atti persecutori contro familiari e vicini: stretta della Questura

Redazione
Condividi

La Questura di Perugia

PERUGIA – Azioni della Questura di Perugia per illeciti in ambito domestico, per il contrasto di violenza e atti persecutori

Un uomo ed una donna conviventi si sono resi protagonisti di numerose condotte persecutorie poste in essere nei confronti dei vicini di casa che in particolare lamentavano preoccupazione nei confronti del loro figlio minore spesso disturbato nel sonno attraverso forti rumori, musica ad alto volume e utilizzo di una torcia che veniva puntata verso la finestra del bambino. La coppia ha ricevuto un ammonimento ed è recidiva: aveva già subito la stessa misura di prevenzione per condotte similari poste in essere nei confronti di altri vicini di casa.

Un ammonimento per violenza domestica è stato emesso nei confronti di un cittadino italiano resosi responsabile di un episodio violento ai danni della coniuge che, a seguito dell’ennesimo litigio, aveva manifestato l’intenzione di lasciare l’abitazione familiare per ritornare a casa dei propri genitori unitamente al figlio di un anno. A seguito di tale evento la donna si era recata presso l’Ospedale di Assisi ove le venivano riscontrate “policontusioni”.

Persecuzioni. Proposta di sorveglianza pubblica per atti persecutori è stata invece messa in atto nei confronti di due persone. Il primo è un cittadino italiano che ha più volte messo in atto condotte persecutorie nei confronti della coniuge e dei genitori di quest’ultima. Per tali fatti l’uomo è stato destinatario inizialmente delle misure monitorie dell’ammonimento e dell’avviso orale emessi dal Questore di Perugia e successivamente arrestato due volte in flagranza di reato da personale dell’Ufficio prevenzione generale. L’uomo si trova attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Perugia. Il secondo provvedimento riguarda un altro  italiano resosi responsabile già in passato di maltrattamenti nei confronti della coniuge e destinatario di un provvedimento di ammonimento per violenza domestica emesso dal Questore di Perugia. Nel 2019 ha reiterato nuovamente le condotte violente nei confronti della coniuge ed ha altresì posto in essere nei confronti della stessa innumerevoli comportamenti di natura persecutoria comprese le minacce di morte. Nei confronti dell’uomo è tuttora in essere, per tali fatti, la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Stretta Infine, il Tribunale di Perugia ha di recente accolto la richiesta inoltrata dal Questore di Perugia di prolungamento della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica sicurezza ed altresì l’inasprimento delle prescrizioni nei confronti di un cittadino rumeno di 22 anni. Ciò perché il predetto ha costantemente violato la misura applicata due anni prima tanto da essere stato denunciato ed anche arrestato in molteplici occasioni. L’uomo dovrà pertanto recarsi ogni giorno presso l’autorità di pubblica sicurezza e non potrà lasciare il proprio domicilio dalle ore 19 di sera alle ore 8 del mattino.