CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, un nuovo nido all’interno del ‘Chianelli’: approvato odg di Bori (Pd)

Perugia Cronaca e Attualità Politica Città

Perugia, un nuovo nido all’interno del ‘Chianelli’: approvato odg di Bori (Pd)

Redazione politica
Condividi

L'esterno del residence Chianelli

PERUGIA – Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità, nella seduta del 14 novembre, l’ordine del giorno presentato dal consigliere dem Bori, nel quale lo stesso invitava l’amministrazione a sostenere la progettualità di un nuovo asilo nido presso il residence Chianelli, limitrofo al nosocomio perugino, che rappresenterebbe, a suo avviso, “una buona azione amministrativa per la città, andando incontro alle madri e ai padri dipendenti dell’azienda ospedaliera di Perugia, alle famiglie residenti nel territorio di San Sisto e consentendo di alleggerire le graduatorie del Comune di Perugia”. Bori ha ricordato come l’idea di realizzare un asilo nido limitrofo alla struttura sul modello di quello aziendale e territoriale presente alla Perugina è stata espressa in occasione dello scorso convegno tenutosi al Residence Chianelli per i primi 25 anni di attività del Comitato per la Vita e ha anche messo in evidenza quale eccellenza il comitato rappresenti per la città, no solo per i risultati raggiunti nell’accoglienza ai pazienti e alle loro famiglie, ma anche per il supporto che ha dato alla cura e alla ricerca sui tumori dei bambini e delle leucemie, motivo per cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha insignito Franco Chianelli quale commendatore al Merito della Repubblica Italiana. L’assessore Bertinelli ha aggiornato i consiglieri sul fatto che, a seguito della richiesta dello stesso comitato all’amministrazione, gli uffici si sono da subito attivati per dare realizzazione al progetto e l’iter è stato immediatamente attivato. Il capogruppo di Conservatori e riformisti, Carmine Camicia, ha ricordato come, circa dieci anni fa, da parte dell’attuale maggioranza ci fu la proposta, condivisa dai dipendenti dell’azienda ospedaliera, di un asilo per i dipendenti e non solo, aperto h24 anche per chi faceva assistenza ai ricoverati. “Questa proposta –ha ricordato- fu approvata dal consiglio comunale anche allora, con grandi speranza per i lavoratori e per la città, ma non fu mai realizzata dall’azienda ospedaliera stessa. Oggi noi queste iniziative, meritorie e utili alla città, le sosteniamo indipendentemente da chi le propone dando così una risposta a 50 anni di malgoverno”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere