CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia-Ternana finisce 1-1. Dramma sugli spalti, muore sessantaduenne per un malore

EVIDENZA Sport Extra

Perugia-Ternana finisce 1-1. Dramma sugli spalti, muore sessantaduenne per un malore

Emanuele Lombardini
Condividi

Il momento della sospensione della partita (foto Cerquiglini)

PERUGIA –Il derby dell’Umbria è finito al 41′ del st, con le squadre sull’1-1. Un tifoso del Perugia accusa un malore: le avvisaglie c’erano state pochi minuti prima quando le due tifoserie avevano smesso di cantare. Entra il 118, gli praticano il massaggio cardiaco, mentre alcuni tifosi del Perugia forzano i cancelli per entrare in campo e chiedere ai calciatori di smettere di giocare. Appena la notizia del malore  arriva in campo, Ghersini sulle prime sospende la partita, poi la riprende, contro il volere dei giocatori, che “obbediscono” chiudendo però la sfida con un surreale “torello” a centrocampo. C’erano da giocare 8′ di recupero, ma il buonsenso fa ovviamente sì che si torni sulla decisione.

La partita finisce, in tribuna si cerca ancora di salvare l’uomo. Ma purtroppo i tentativi sono vani. Mentre i tecnici si apprestano a presentarsi in sala stampa arriva la notizia: l’uomo, 62 anni, non ce l’ha fatta.

LEGGI QUI GLI AGGIORNAMENTI SULL’EPISODIO

Le scelte tecniche. Bucchi, privo di Bonaiuto e Zapata, schiera dal primo minuto nel tridente offensivo di Francesco Di Nolfo, classe 1998 di proprietà della Roma nel tridente con Bianchi e Di Carmine, mentre Carbone si affida a Defendi, alla prima partita, in mezzo al campo insieme a  Bacinovic, che vince il ballottaggio con Petriccione. Davanti tridente tutto uruguagio con Surraco e Avenatit davanti a Falletti. Assenti gli infortunati Coppola, Tascone, Della Giovanna e Dugandzic.

La partita.  Partenza sprint della Ternana che si guadagna tre angoli in sequenza e al 6′ sfiora il gol: Bacinovic mette in mezzo per Falletti che scappa via ed entra in area, Volta evita il peggio. Al 10′ cross dalla destra di Zanon, colpo di testa di Falletti e stavolta è Belmonte che spedisce in angolo. Sull’asse Avenatti-Falletti c’è una grande occasione per la Ternana: il fantasista (18′) serve Defendi che gliela rende con un cross, conclusione al volo che finisce a lato.

Al 21′ la velocità di Dezi mette in crisi Meccariello che lo ferma in maniera fallosa, l’arbitro lascia correre, fra le proteste dei giocatori di casa. Sull’azione che ne segue (partita da punizione) sempre l’ex Napoli si coordina male e la palla va a lato. Poco dopo ci prova Zebli di collo destro (cross di Del Prete che Zanon allontana), ma anche in questo caso l’esito è negativo.

Sono i giovani a mostrare le cose migliori in casa del Perugia, in particolare la scelta di schierare di Di Nolfo si rivela azzeccata: l’ex biancorosso è il migliore dei suoi nella prima mezzora. Sua la fuga al minuto 27, quando lascia sul posto Zanon e suo il tiro un minuto dopo, che chiama Di Gennaro ad un intervento in sicurezza. Dezi, il faro del centrocampo biancorosso, è l’altra spina nel fianco rossoverde: al 35′ Bianchi lo serve lui calcia al volo e Di Gennaro blocca in due tempi. Sul fronte Ternana, come sempre, è Falletti contro tutti, ma il trequartista non può fare tutto da solo. Defendi ottimo all’esordio, Chiosa dalla sua parte non la vede mai. Al 38′ è di nuovo il Perugia a rendersi pericoloso, con una punizione di Bianchi che va alta, subito dopo ancora musica sudamericana con Falletti che serve Avenatti, il quale ci arriva in corsa ma spedisce alto.

Carbone inserisce Petriccione al posto di Bacinovic per provare a vivacizzare il centrocampo, ma il Perugia parte meglio e al 6′ è in vantaggio grazie a Rolando Bianchi, che gira in rete di testa un cross del solito Dezi. L’avvisaglia era stato il tentativo di Di Nolfo ben stoppato da Di Gennaro poco prima. Dopo lo svantaggio Carbone libera La Gumina ma ad avere il furore fra i piedi è Falletti che al 10′ fa tutto da solo, liberandosi al limite dell’area e battendo Rosati con una girata da fuoriclasse. La partita si vivacizza improvvisamente: ancora Di Nolfo impegna Di Gennaro (12′), costretto all’angolo. L’ex Roma lascia il posto a Guberti, poi entrano Battista per il solito spento Avenatti e Di Chiara per un altrettanto negativo Chiosa.

I cambi non danno l’effetto sortito e anzi, la partita sembra quasi spegnersi lentamente sin quando non la riaccende il Perugia, sempre però calcio franco: prima con un tentativo di Bianchi il cui sinistro in diagonale è sbilenco e va fuori e poi da corner con Di Gennaro che respinge un tiro ma non il secondo, sul quale però Brighi è in fuorigioco e così la rete di Dezi viene annullata.

Nicastro rimpiazza Dezi poi lo stop alla partita a 4′ dalla fine: una donna nella tifoseria biancorossa si sente male, interviene la Croce Rossa per un massaggio cardiaco, alcuni tifosi fanno invasione di campo per chiedere che tutto venga fermato. Sul momento Ghersini ferma la partita, poi fa riprendere. Il torello finale è il simbolo della protesta. Fischi per l’arbitro alla fine (salta anche il recupero), applausi per i giocatori. Bipartisan.

PERUGIA (4-3-3): Rosati; Del Prete, Volta, Belmonte, Chiosa (20’st Di Chiara); Dezi (39’st Nicastro), Brighi, Zebli; Di Nolfo (16’st Guberti), Bianchi, Di Carmine. A disp: Elezaj, Ricci, Monaco, Acampora,  Da Silva, Traorè. All. Bucchi

TERNANA (4-3-2-1): Di Gennaro; Zanon, Valjent, Meccariello, Germoni; Di Noia (9’st La Gumina), Bacinovic (1’st Petriccione), Defendi; Falletti, Avenatti (17’st Battista), Surraco. A disp: Aresti, Masi, Contini, Di Livio,  Palombi, Palumbo All. Carbone

ARBITRO: Ghersini di Genova (assistenti: Zappatore-Caliari, IV Uomo La Penna)

MARCATORI: 6’st Bianchi (P), 10’st Falletti (T)

NOTE: Giornata fresca, terreno in buone condizioni, spettatori 14mila circa, dei quali  935 da Terni. Prima della partita osservato un minuto di silenzio per la scomparsa di Carlo Azeglio Ciampi. Squadre Pulcini in campo prima della sfida. Ammoniti: Meccariello (T), Del Prete (P), Bacinovic (T), Belmonte (P), Zanon (T), Falletti (T) oltre a Contini (T) dalla panchina.  Calci d’angolo 4-6. Recupero:1′ pt 0’st

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere