CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, servizio civile in Legacoop: 135 giovani iniziano l’esperienza nelle cooperative

Perugia Cronaca e Attualità Terni

Perugia, servizio civile in Legacoop: 135 giovani iniziano l’esperienza nelle cooperative

Redazione
Condividi

Un momento della formazione in Legacoop

PERUGIA – E’ cominciata la formazione per i 149 volontari selezionati da Legacoop Umbria, che si apprestano a vivere l’esperienza di un anno di servizio civile nazionale. I giovani svolgeranno il loro servizio nelle Cooperative Sociali nella sfera dell’assistenza agli anziani, disabili, minori, persone con disagio mentale, valorizzazione del patrimonio artistico e culturale ed educazione e promozione sociale
Obiettivi “Gli obiettivi che ci poniamo – dice Andrea Radicchi responsabile del progetto – per come Legacoop Umbria sono quelli di permettere ai giovani di fare un’esperienza di cittadinanza attiva, un percorso di educazione civica e di crescita personale, un contributo al Paese per un impiego che deve essere considerato di alto valore sociale, uno sviluppo della solidarietà nei confronti delle persone meno fortunate. Inoltre il contatto con i giovani ci consente di far conoscere i valori della cooperazione. Ed è con queste motivazioni che Legacoop Umbria a partire dall’istituzione del Servizio Civile Nazionale è presente, attraverso le proprie Cooperative, in tutto il territorio regionale. Il Servizio Civile è vissuto anche come possibilità di avvicinamento al mondo del lavoro in quanto, circa il 20% dei volontari, ha trovato uno sbocco occupazione nella Cooperazione.”
Formazione Una volta terminate le ore di formazione, saranno inseriti nelle cooperative Asad, Polis, Il Cerchio, La Rondine, La locomotiva, Borgorete, Il Poliedro, Immaginazione, Nuova, Il Quadrifoglio, Cipss ed Alba. “La formazione -prosegue Andrea Radicchi- sara’ sia generale, cioè inerente le forme di cittadinanza, educazione alla legalità, mediazione dei conflitti, elementi sulla non violenza, sia specifica rivolta invece al settore di destinazione, al fine di stimolare nei ragazzi quel “sentire comune” importante nella nostra società”