CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, sentenza già scritta nel fascicolo del giudice

Cronaca e Attualità

Perugia, sentenza già scritta nel fascicolo del giudice

Redazione
Condividi

PERUGIA – Il giudice è al di sopra delle parti e, per questo, fino all’udienza o al deposito delle comparse da parte degli avvocati, non sa nulla del caso che deve trattare. Appare ancor più strano, quindi, che nel fascicolo processuale di un giudice si trovasse già il provvedimento scritto in merito ad un affare civile ancora da trattare.

È quanto ha scoperto un avvocato che doveva discutere uno sfratto davanti al giudice questa mattina. Udienze fissate alle 9 di mattina, ma la trattazione degli sfratti è iniziata alle 10 (allora perché fissare ad un orario in cui non sarebbe mai stata trattata la causa?). In attesa di comparire davanti al giudice, quindi, l’avvocato ha consultato il fascicolo per controllare se fossero presenti tutti i documenti presentati dalle parti. Tra i tanti fogli presenti nel fascicolo, però, l’occhio dell’avvocato viene attirato da uno stampato che non dovrebbe trovarsi lì: un decreto di sfratto firmato da giudice.

Come è possibile? Il caso deve ancora essere discusso. Il giudice non può aver già preso una decisione. Il legale fa una copia del foglio e aspetta il proprio turno. E quando si presenta davanti al giudice fa presente l’anomalia. Il magistrato ha minimizzato l’accaduto, affermando che non riguardava il caso in questione, che si trattava di un altro procedimento. Ed è andato oltre.

Per la cronaca: non è la prima volta che accade un fatto del genere a Perugia.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere