CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, rush finale per la panchina dopo l’esonero di Giunti: è fatta per Breda

Calcio Perugia Sport Extra EVIDENZA2 Città

Perugia, rush finale per la panchina dopo l’esonero di Giunti: è fatta per Breda

Redazione sportiva
Condividi

Roberto Breda (foto da tuttolevante.it)

PERUGIA – Roberto Breda avrebbe sbaragliato la concorrenza di Roberto Stellone (dato per superfavorito ieri sera, pochi istanti dopo la cacciata dalla panchina del Grifo di Federico Giunti) e di Serse Cosmi, idolo indiscusso del Curi e del popolo biancorosso, chiamato a gran voce del popolo del Perugia quando iniziavano a circolare i primi nomi dei probabili successori dell’allenatore di Città di Castello.

Fino a giugno Da indiscrezioni giornalistiche arrivate in serata, sembrerebbe che l’incontro fra il tecnico trevigiano e i vertici della società perugina sia andato a lieto fine e sarebbe già lui l’allenatore che dovrà risollevare le sorti del Perugia dopo il periodo orribile e drammatico che ha caratterizzato la squadra nelle ultime cinque giornate. Come riferito da fonti attendibili, l’ex allenatore della Ternana firmerebbe un contratto che lo legherebbe al Perugia fino alla fine del campionato in corso. Ora resta solo il via libera, con la conseguente ufficializzazione da parte della società, che dovrebbe arrivare domani, quando il tecnico si dovrebbe recare a Pian di Massiano, la mattina per la firma e il pomeriggio per dirigere il suo primo allenamento.

Il percorso Nato a Treviso nel 1969, ex centrocampista, Breda, da giocatore, ha vestito – fra le tante – le maglie di Sampdoria, Udinese, Messina, Spal, Genoa e Salernitana. Messe le scarpette al chiodo, nel 2007 ha iniziato la sua carriera di allenatore come responsabile della Primavera della Reggiana. Debutta come tecnico della prima squadra nell’aprile del 2010, a seguito dell’esonero di Ivo Iaconi. A luglio dello stesso anno viene chiamato a guidare la Salernitana, che porta alla finale promozione in serie B contro il Verona (sfida poi vinta dagli scaligeri). Su una panchina di serie B ci si siede lo stesso la stagione successiva, quando trasloca alla Reggina. A Reggio Calabria viene prima esonerato e poi richiamato. Nella 2012/2013 allena il Vicenza, dal quale viene esonerato a causa del terz’ultimo posto occupato dai veneti alla fine del girone di andata. La stagione dopo, è al timone del neopromosso Latina e chiude il campionato al terzo posto. Rifiutata la conferma coi pontini a giugno, torna però ad allenarli a ottobre. Solo dopo tre mesi, con la squadra in zona retrocessione, viene sollevato dall’incarico. A settembre del 2015 firma come allenatore della Ternana, squadra che accompagna al dodicesimo posto finale. A giugno 2016 sbarca a Chiavari per diventare il nuovo mister dell’Entella. L’avventura liguri termina ad aprile 2017, dopo che i biancazzurri erano riusciti a conquistare un solo punto in cinque giornate.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere