CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, Rochdi Belgasmi ad aprire “Corsie. Itinerario Danza”

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

Perugia, Rochdi Belgasmi ad aprire “Corsie. Itinerario Danza”

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – Al via dal 4 al 6 ottobre all’ex Fatebenefratelli di Perugia la prima parte del programma di “Corsie. Itinerario Danza”, itinerario e osservatorio sul presente della danza contemporanea, quello che ci circonda e quello che arriva da lontano, che si svilupperà in un cartellone di eventi, incontri, formazione e spettacoli creato da Micro Teatro Terra Marique e Corsia Of – Residenza Artistica e Centro di Creazione Contemporanea, in collaborazione con altre realtà culturali, cittadine, nazionali ed internazionali. Il percorso inizia in colaborazione con “Open Art Week”, la settimana di scambio artistico internazionale che focalizza la sua prima edizione in due città, a Perugia (con una serie di eventi in corso che vedono protagonisti artisti tunisini) e Tunisi.

zoufri-con-rochdi-belgasmi-2

Corsie. Itinerario Danza si svilupperà nell’arco di tre mesi, da ottobre a dicembre, con residenze artistiche, appuntamenti di formazione, spettacoli, prove aperte, performance site-specific. Il primo spettacolo, che verrà presentato (sabato 6 ottobre) sarà “Zoufri”, uno dei più grandi successi di Rochdi Belgasmi in tournée internazionale, presentato in precedenza, tra gli altri luoghi prestigiosi, all’Istituto del Mondo Arabo e al Palais de Tokyo di Parigi, al Moussem Festival Cities di Bruxelles, al Festival On Marche a Marrakech e al Festival Souar Souar a N’Djamena. Rochdi Belgasmi è una figura di spicco della danza tunisina, che da anni intraprende una ricerca e un’interpretazione contemporanea delle danze popolari tradizionali della sua area, un’azione di resistenza politica che reclama il diritto alla libera espressione artistica del corpo e recupera danze proibite per decenni, come la danza popolare maschile Rboukh. Proprio il Rboukh con la sua storia di “ballo degli operai” è la danza messa in scena e raccontata nello spettacolo “Zoufri”, che in questa versione italiana vede anche la partecipazione di Marcello Manuali in veste di narratore. Lo spettacolo concluderà il percorso di Rochdi Belgasmi nella Residenza Artistica di Micro Teatro Terra Marique e Corsia Of, percorso che inizierà con il workshop “La Danza Contemporanea e le chiavi della tradizione”, dal 4 al 6 ottobre, sempre nei locali dell’ex ospedale. Nella stessa giornata alle 15.30 Corsia Of ha organizzato un incontro con gli artisti in forma di simposio, che vede la presenza di studiosi della danza e operatori culturali, una rara occasione di approfondimento per il pubblico e per tutta la città, al quale sono invitate le istituzioni: dal titolo “L’evoluzione nell’incontro: come evolvono l’Arte e la Danza nell’interrelazione tra Culture”. Interverranno: i coreografi e danzatori Rochdi Belgasmi e Afshin Varjavandi, lo studioso Enzo Cordasco e l’esperta di danza orientale Luisa Piro, i direttori artistici di Open Art Week, Gaia Toschi e Moez Mrabet, Adriana Garbagnati de La Mama Spoleto International, Tommaso Mobilia di Centrodanza. Per l’occasione, Micro Teatro Terra Marique e Corsia Of presenteranno alcuni tra gli artisti protagonisti del programma di novembre e dicembre. Gli argomenti del simposio, moderato da Chiara Meloni, presidente di Corsia Of e attrice e regista della Compagnia Degli Gnomi, spazieranno da una sintesi storica e mitica della nascita e delle migrazioni delle danze da Oriente ad Occidente, all’opera feconda dell’interrelazione culturale nei fermenti dei primi del ‘900, quando danzatori come Rudolf von Laban hanno abbattuto i confini della danza accademica, fondando quella libertà di espressione del corpo che oggi è alla base della sperimentazione di artisti contemporanei come Rochdi Belgasmi, Afshin Varjavandi e l’artista parigina Anasma, di origini metà tunisine e metà vietnamite, ospite della Residenza Artistica di Perugia per un biennio.

Nella successiva edizione di Open Art Week nella città di Tunisi, che dal 13 al 21 ottobre ospiterà spettacoli e workshop di artisti operanti a Perugia, ci sarà anche Afshin Varjavandi con la sua compagnia di danza INC InNprogress Collective, compagnia proposta proprio da Corsia Of in virtù dei meriti dell’ensemble di Perugia che sta riscuotendo un notevole successo di critica e pubblico, e anche in virtù della collaborazione con Centrodanza che, con una lunga tradizione di residenze di compagnie di danza e teatro, ospita da anni il collettivo con il suo Atelier. Questa collaborazione estesa ed internazionale, che vede la sinergia di diverse realtà culturali della città, si inserisce perfettamente nel percorso della Residenza Artistica, che dopo il successo dell’edizione pilota di Corsie Festival, organizzato e diretto a novembre scorso da Matteo Svolacchia e dal direttivo di Corsia Of, intende continuare a promuovere le Arti Performative attraverso un’ottica multidisciplinare, internazionale e al tempo stesso attenta al territorio, in connessione con i principali punti di incontro della cultura e dell’intrattenimento del centro storico di Perugia, ed offrendo opportunità di approfondimento e formazione. In attesa quindi di scoprire quali risorse impegnare in una nuova edizione triennale del festival, risultato del lavoro di Residenza, l’organizzazione dedica “Corsie. Itinerario Danza” all’osservazione profonda e curiosa del processo di creazione nella Danza Contemporanea, con particolare attenzione ai giovani coreografi, alla contaminazione e alla sperimentazione, al di là dei confini, perché le corsie permettono di viaggiare affiancati, formano le arterie, il sistema circolatorio e i nuovi possibili percorsi sinaptici di un ideale corpo che è un’ideale e sovranazionale città dell’arte.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere