CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, rifiuta più volte il rimpatrio: poliziotti lo scortano sino a Tunisi

Cronaca e Attualità

Perugia, rifiuta più volte il rimpatrio: poliziotti lo scortano sino a Tunisi

Redazione
Condividi

Il rimpatrio del tunisino

PERUGIA – Non voleva andarsene dall’Italia nonostante più volte gli fosse stato consegnato il foglio di via e così ieri, all’alba del suo ultimo giorno da detenuto, un trentunenne tunisino è stato svegliato in carcere all’alba dagli agenti dell’Ufficio Immigrazione della Polizia di Perugia  e fatto salire a bordo della pantera che lo ha scortato sino a  Fiumicino in tempo utile per il primo volo per Tunisi. Non solo: per la sua pericolosità poliziotti della Questura di Perugia lo hanno accompagnato di persona in aereo a Tunisi. In passato infatti, l’uomo già tre volte aveva alzato le mani nei confronti di poliziotti e carabinieri che lo dovevano arrestare per la sua attività di spaccio.

Il trentunenne, in Italia dal 2010,  dopo sei arresti, era giunto a Capanne alla fine del 2015 per scontare la sua pena residua che si aggiunge ai periodi di detenzione subiti in regime di custodia cautelare.

Rimpatriato albanese.  Gli agenti dell’Ufficio di Polizia di Frontiera in Aeroporto a Perugia  hanno adottato il provvedimento di respingimento nei confronti di un cittadino albanese di 27 anni atterrato con il volo del pomeriggio da Tirana, in possesso di un regolare passaporto. Agli agenti ha dichiarato di essere un turista ma dai controlli presso la Banca Dati delle forze di Polizia è emerso che nel suo recente passato c’era stato un periodo di detenzione per una condanna per rapina commessa a Perugia. Dunque  lo hanno imbarcato nello stesso volo in partenza per Tirana e riammesso nel paese di origine.

 

 

 

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere