CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, parla Goretti: “Centrati gli obiettivi nel mercato di inverno, il nostro obiettivo è la Serie A”

Calcio Perugia Sport Città

Perugia, parla Goretti: “Centrati gli obiettivi nel mercato di inverno, il nostro obiettivo è la Serie A”

Redazione sportiva
Condividi

Roberto Goretti

PERUGIA – Mercato e futuro del Grifo al centro della conferenza stampa del direttore tecnico del Perugia, Roberto Goretti: “È stato un mercato dove non c’era la grande possibilità di muovere tanti giocatori – ha detto- Volevamo fare delle correzioni, mettere qualcosa per quello che ci eravamo  detti  con Oddo e poi  con Cosmi: prendere un difensore centrale prima dell’8 gennaio. Tra tutti i difensori centrali c’era Sierralta.  Il mio preferito era Rajkovic, Sierralta è poi andato l’Empoli che ha avuto la forza per andare a prendere le prime scelte. A mio avviso abbiamo centrato i nostri obiettivi”.

Rosa “Mister Cosmi – ha proseguito – ha una rosa larga, però forse lui ha l’esperienza per scegliere, forse avrà bisogno di più tempo per inquadrare una squadra tipo ma sono fiducioso. Abbiamo fiducia nei nostri ragazzi, in Kouan e Dragomir, in Nicolussi e Falzerano. Abbiamo anche Fernandes e Buonaiuto: forse abbiamo troppe frecce e il tempo su chi puntare può dilatarsi”.

Squadra “Mi aspetto di vedere una squadra – ha proseguito Goretti – A ottobre dicevo che sarebbe stato un campionato equilibrato, il nostro obiettivo era quello di  diventare squadra  e ancora non ci siamo riusciuti. Questo è il nostro obiettivo, l’obiettivo dei calciatori che devono fare quello che dice l’allenatore: che lottano con coraggio seguendo il mister”.

Serie A unico obiettivo “Questo è il sesto anno, ritengo di aver fallito per cinque volte perché il mio obiettivo è quello della Serie  A, molto difficile da raggiungere, ma è quello – ha rimarcato – E chiedo a tutti di fare lo stesso. Quando abbiamo perso i play off stato stato male: detto questo  sta a chi sta dall’ altra parte avere il senso critico per razionalizzare questa cosa, in primis i giornalisti. La classifica è stranissima, più che guardarci intorno dobbiamo concentarci su di noi e sui  nostri obiettivi”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo