CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, la legalità a scuola: è stato firmato il protocollo d’intesa

Perugia Cronaca e Attualità Città

Perugia, la legalità a scuola: è stato firmato il protocollo d’intesa

Redazione
Condividi

PERUGIA La Camera di Commercio di Perugia apre l’anno scolastico della legalità.  Negli istituti superiori di secondo grado della Provincia, anche nell’anno scolastico appena iniziato, gli studenti avranno la possibilità di partecipare alle attività di formazione realizzate dalla Camera di Commercio e dai principali enti e istituzioni amministrativi, economici e finanziari, sottoscrittori del Protocollo d’Intesa per la diffusione della cultura della legalità. Un fronte di promotori della legalità che quest’anno si allarga all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e all’Ufficio scolastico provinciale.

L’accordo Il protocollo d’intesa è stato sottoscritto stamane dal presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni, dal presidente dell’Ordine commercialisti ed esperti contabili, Andrea Nasini, e, per l’Ufficio scolastico, da Antonella Iunti.  Il presidente Nasini e la dottoressa Antonella Iunti, nel sottoscrivere il protocollo d’intesa per la legalità, hanno assicurato l’impegno e il pieno coinvolgimento dei loro enti nell’azione educativa proposta dal progetto Io scelgo la Legalità “per la diffusione e la salvaguardia della cultura della legalità e per favorire una migliore conoscenza delle istituzioni che a vario titolo operano su questo fronte”.

Il progetto Il progetto didattico Io scelgo la legalità, che si attiverà anche in questo anno scolastico, mira a favorire nello studente lo sviluppo di specifiche competenze negli ambiti dell’educazione economica, finanziaria, fiscale e della legalità economica. Nello scorso anno scolastico aderirono al progetto 16 istituti superiori di secondo grado perugini e vi presero parte oltre 400 studenti. Gli studenti saranno accompagnati in un percorso attraverso i valori della legalità che, partendo dal contesto giuridico vigente e dai principi di cittadinanza, scioglie i nodi della legalità nell’economia, nell’impresa, nel lavoro, nella circolazione e nell’uso del denaro. Il progetto intende sensibilizzare i giovani ai temi della democrazia, della convivenza civile e della legalità economica; fornire un bagaglio di conoscenze utili a comprendere il ruolo dell’impresa e dell’imprenditore nella società, delimitando un percorso di legalità; orientare gli studenti alle scelte lavorative future, anche in una prospettiva imprenditoriale connotata da scelte eticamente responsabili; sviluppare le abilità comportamentali degli studenti per consentire loro di compiere consapevolmente scelte finanziarie quotidiane e di più lungo periodo; stimolare i ragazzi ad instaurare un rapporto consapevole e interattivo con le istituzioni.

Vicini agli studenti “Entriamo direttamente nelle scuole per avvicinare gli studenti ai valori alti di giustizia e legalità – ha detto Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di commercio -. Pratichiamo istruzione di legalità, perché i giovani possano diventarne essi stessi, la principale risorsa, nella assoluta convinzione, come dice don Luigi Ciotti, che “l’istruzione taglia l’erba sotto i piedi alla cultura criminale e mafiosa”. I corsi organizzati negli istituti dagli enti aderenti al protocollo, proporranno argomenti quali: la legalità e il rispetto delle regole, elementi essenziali per la ordinata convivenza civile; la moneta e la circolazione monetaria; il tessuto imprenditoriale: caratteristiche strutturali e fabbisogni professionali; essere imprenditori, fare impresa oggi; i contratti di lavoro; la vigilanza sui rapporti di lavoro; l’imposizione contributiva; le prestazioni Inps; prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro; il sistema bancario e finanziario; la legalità fiscale; gli strumenti di pagamento; l’uso consapevole del denaro e le patologie conseguenti per un impiego distorto; finanziamento e rischi da sovraindebitamento.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere