CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, la Galleria Artemisia apre le sue porte a fotografia e materia

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

Perugia, la Galleria Artemisia apre le sue porte a fotografia e materia

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – Sarà la Galleria d’Arte Artemisia di Perugia ad ospitare sabato 18 febbraio alle ore 18 Scatti d’emozione e Senza rete, due mostre tra fotografia e materia.

Scatti d’emozione di Fabio Palmieri: nell’era della macchina digitale, scattare una fotografia è alla portata di tutti. Realizzare un’opera d’arte, però, richiede conoscenze e sensibilità più fini, esercitate e pensate per anni, magari in solitudine, mentre la vita professionale ha preso altre strade. Le nature morte di Fabio Palmieri sono uno dei segni del suo talento artistico. “A vederle sembrano dipinti e, in effetti, il modello sono i quadri del seicento napoletano, a loro volta eredi dell’influsso di Caravaggio e Rubens – scrive Marco Bastianelli – Sono però fotografie, che Palmieri scatta a partire da intavolature pensate e pazientemente costruite, con giochi di luci che lui stesso realizza per sottolineare, qua e là, punti di rinforzo che catturano l’osservatore. Il gioco delle luci e dei colori, la costruzione armonica dell’inquadratura e le soluzioni pensate conferiscono alle foto di Palmieri una dignità estetica”.

Senza rete, di Alfredo Mommarelli (EdoArt), prima assoluta per l’artista che ama definirsi “immaginatore materico” per il suo essere profondamente architetto e quindi legato da una parte al pensare “spaziale” e dall’altra al vedere le cose sotto tutti i punti di vista, anche quelli desueti o generalmente ritenuti inutili. Questo suo vedere le cose a 3 dimensioni ma spesso a 4 o 5, aggiungendovi il tempo e l’essere individuo, lo ha naturalmente portato da subito fuori dalla bidimensionalità classica, troppo limitante per tutte le cose che deve raccontare in un’opera e per contenerne le energie generatrici. Nelle sue opere tutte su legno e dipinte con colori acrilici, convivono i materiali più vari, anche di riciclo, utilizzati in maniera alternativa.

Le mostre si protrarranno fino al 4 marzo dal martedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere