CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Regione, “Istruttorie troppo lunghe”: Nevi annuncia disegno di legge su dipartimenti Arpa

Cronaca e Attualità

Regione, “Istruttorie troppo lunghe”: Nevi annuncia disegno di legge su dipartimenti Arpa

Redazione
Condividi

PERUGIA – “La vicenda della sospensione dell’attività per le Distillerie Di Lorenzo, operata dalla Regione su indicazione dell’Arpa e cassata dal Tribunale amministrativo regionale che ha anche condannato Regione e Agenzia al pagamento delle spese di giudizio, è emblematica e costituisce un pericolosissimo segnale di atteggiamento vessatorio nei confronti di imprese importanti”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Cesaroni, Raffaele Nevi, sottolineando che “mentre in Umbria si fanno grandi proclami sulla semplificazione e sulla necessità di essere sempre più efficienti nel mettere le imprese nelle condizioni di cogliere timidissimi segnali di ripresa, emerge il problema Arpa”.

Nevi evidenzia che “arrivano costantemente notizie di una Agenzia che, accentrando sempre più poteri in mano a poche persone, sta diventando sempre meno quell’ente che collabora, indirizza e cerca di prevenire problemi ambientali con un continuo e stretto dialogo con le imprese, come era fino a poco tempo fa. Non vorremmo che agli enormi ostacoli che si riscontrano ogni giorno nel fare impresa in Italia e in Umbria si aggiungesse anche un atteggiamento anti imprenditoriale dei vertici di Arpa Umbria. Ma i problemi non finiscono qui. Ci risulta inoltre che la nuova direzione dell’Agenzia ha accorpato le funzioni di vigilanza con quelle istruttorie, con il risultato deleterio che le istruttorie (per esempio le istruttorie Autorizzazione integrata ambientale-Aia) invece che concludersi in 30 giorni ne richiedono 150, mettendo le imprese in serissima difficoltà e gli investimenti a forte rischio, come è successo recentemente per un investimento di decine di milioni di euro da parte di una delle più importanti industrie chimiche del territorio ternano”.

Da qui l’annuncio: “La settimana prossima chiederò la calendarizzazione in commissione del disegno di legge che sto presentando su Arpa per ripristinare i dipartimenti territoriali: il mix tra il disastro organizzativo degli uffici regionali, a seguito del trasferimento del personale delle province sul quale invitiamo la Giunta regionale ad intervenire immediatamente, e il nuovo nefasto corso di Arpa sta facendo emergere un vero e proprio intoppo in un settore fondamentale per lo sviluppo economico dell’Umbria su cui non rimarremo silenti”

“Nel frattempo – conclude – ho già contattato l’assessore Bartolini affinché convochi il tavolo per la semplificazione interrotto a causa del terremoto e avvii, senza ulteriori slittamenti, la riorganizzazione degli uffici regionali affinché il personale possa svolgere al meglio il suo lavoro, specie in settori chiave come quello delle autorizzazioni Aia e Autorizzazione unica ambientale-Aua. Non è più ammissibile che professionisti e imprese rimpiangano quando la competenza era in capo alle Provincie. Le riforme devono servire a migliorare e non a peggiorare il funzionamento dei servizi pubblici”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere