CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, imprese per i giovani: taglio del nastro per Officine Fratti

Perugia Cronaca e Attualità Città

Perugia, imprese per i giovani: taglio del nastro per Officine Fratti

Redazione
Condividi

PERUGIA – Il sindaco Andrea Romizi e gli assessori Michele Fioroni e Dramane Wagué hanno inaugurato ufficialmente questa mattina “Officine Fratti – Creative Space”. Lo spazio è stato completamente rigenerato dagli otto giovani selezionati e strutturato per ospitare le loro start up di imprese creative: Elisa Fiandrini (sartoria, abiti per donna su misura), Giuseppe Agostinelli (stampa 3D), Claudia La Grassa (pelletteria), Lorenzo Curti (restauro di biciclette d’epoca), Elisa Pietrelli (creazione souvenir), Giulio Rosi (ebanisteria), Eleonora Lippi (realizzazione giochi per bambini), Ester Zampedri (intrattenimento, valorizzazione della dimensione ludica per grandi e piccoli). Lo spazio accoglierà anche attività seminariali e laboratoriali, workshop e incontri pubblici organizzati e gestiti dai giovani.

Progetto per i giovani “Quello che viene presentato oggi – ha sottolineato l’assessore Michele Fioroni – è un progetto per i giovani, fatto dai giovani. Per tale ragione, raramente ho provato un’emozione così grande come quella sentita entrando in questo luogo”. L’iniziativa, che ha coinvolto tutta l’Amministrazione comunale con le sue varie componenti – ha continuato Fioroni – rappresenta una visione della città in cui la giunta crede molto, ossia una Perugia rivolta ai giovani ed aperta ai giovani. “La nostra filosofia, infatti, vuole essere di favorire la nascita di luoghi come questo, luoghi della creatività e dell’innovazione”. Per ciò che concerne l’artigianato, Fioroni ha evidenziato che Perugia su questo versante ha ancora tantissimo da dare; per tale ragioni bisogna essere in grado di valorizzare le qualità dando continuità alle tradizioni della città. “Vorremmo quindi che i perugini venissero qui alle Officine Fratti non solo per acquistare i prodotti realizzati dai ragazzi, ma soprattutto per ispirarsi; questo luogo, dunque, rappresenta un’occasione per tutta la città”.

Tappe Ripercorrendo le tappe del progetto, l’assessore Dramane Wagué ha sottolineato che si è trattato di un’iniziativa portata avanti da diversi uffici comunali e, dunque, frutto di un meticoloso lavoro congiunto. L’ottimo risultato finale dimostra che l’unione fa la forza e che si possono ottenere dei prodotti di qualità semplicemente riutilizzando e rigenerando l’esistente. “La coesione sociale e l’apertura alla città di spazi pubblici riqualificati e strappati al degrado sono valori che intendiamo riaffermare anche oggi. Vorremmo, inoltre, che da qui partisse oggi il segnale che a Perugia vi sono capacità giovanili straordinarie, tali da poter competere senza timori reverenziali sul mercato globale. Insomma Officine Fratti possono esportare a livello internazionale un modello innovativo e virtuoso”.

Romizi A chiudere l’incontro è stato il sindaco Andrea Romizi che ha confermato la sua personale emozione per l’inaugurazione di un progetto che rappresenta, anche per la stessa Amministrazione, una importante sperimentazione. Ciò che sta accadendo in via Fratti, cioè, ha l’ambizione di poter essere ripetuto altrove, partendo da un’area oggetto di estrema attenzione da parte della giunta come è quella di Fontivegge, ove a breve prenderanno il via significativi investimenti. In tutti questi luoghi la visione deve essere la stessa di Officine Fratti, ossia quella della rigenerazione di spazi esistenti, all’interno dei quali mettere innovazione, idee, talenti e strumenti moderni necessari per competere sul mercato.