CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, il grande cinema internazionale protagonista al PostMod

Perugia Cinema Cultura e Spettacolo Extra Città

Perugia, il grande cinema internazionale protagonista al PostMod

Redazione cultura
Condividi

La sala del PostModernissimo

PERUGIA – Al via nel prossimo mese di ottobre al PostModernissimo di Perugia due rassegne e un appuntamento speciale che vedranno protagonista il grande cinema internazionale, grazie a iniziative che guardano oltre i confini per proporre visioni fuori dal comune.

Domani (1 ottobre) si inizia alle ore 21 con la rassegna Germania in Autunno, in sala ogni lunedì del mese, con un’edizione dedicata a Werner Herzog, uno tra i più importanti esponenti del cosiddetto Nuovo cinema tedesco – nonché uno dei massimi cineasti viventi, che ha prodotto, scritto e diretto più di 50 pellicole – e la proiezione, in lingua originale sottotitolata (come per tutti gli altri
appuntamenti), di “Aguirre, furore di Dio”. Si prosegue l’8 ottobre con “L’enigma di Kaspar Hauser”, il 15 ottobre con “Cuore di vetro”, il 22 ottobre con “Nosferatu, il principe della notte” e il 29 ottobre con “Fitzcarraldo”.

Tutti i martedì alle 21.30 si terrà invece una nuova edizione della rassegna Utopia. Dopo Germania, Grecia, Cipro, Cuba, Iran e Palestina, Filippine al PostMod si approfondisce il nuovo cinema portoghese attraverso un insieme di opere recenti, rappresentative della cinematografia lusitana. La rassegna è organizzata in collaborazione con Archfilm e con il progetto Luso!. In programma: “Verso Danado” di Pedro Cabeleira (2 ottobre), “Sao Jorge” di Marco Martins (9 ottobre), “A fabrica de nada” di Pedro Pinho (16 ottobre, con il regista presente in sala), “Ramiro” di Manuel Mozos (23 ottobre) e “Cartas de guerra” di Ivo Ferreira (30 ottobre). Anche in questo caso tutte le proiezioni saranno in lingua originale sottotitolata.

Oltre a Germania e Portogallo, spazio anche al cinema indipendente tunisino grazie alla collaborazione con la manifestazione Open Art Week nel cui ambito il prossimo mercoledì alle 19.00 verrà proiettato il trittico di cortometraggi sui rischi e pericoli dell’oscurantismo realizzati da Mouna Jemal Siala, alla presenza dell’artista: “Le sort” 2011/12, “Le pieghe” 2013 e “Le fils” 2014/15. Alle 20.00 invece verrà proposto il visionario e politico “The last of us” di Ala Eddine Slim che racconta il viaggio epico di un uomo sub-sahariano verso il nord del mondo, già premiato a Venezia come Miglior opera prima.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere