CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, il derby all’ora di pranzo, Caserta: “Non fidiamoci dell’Arezzo ultimo”

Calcio Sport

Perugia, il derby all’ora di pranzo, Caserta: “Non fidiamoci dell’Arezzo ultimo”

Redazione sportiva
Condividi
Fabio Caserta
Fabio Caserta

PERUGIA – Lunch match per il Grifo che domenica alle ore 12.30 sfida l’Arezzo. Perugia in campo con una speciale maglietta in occasione della festività di San Costanzo: ci sarà una patch celebrativa, apposta sulla manica destra, raffigurante lo skyline di quattro luoghi simbolo della città ovvero basilica di San Pietro, Fontana Maggiore, Tempio di San Michele Arcangelo e Palazzo dei Priori accompagnato dalla scritta in latino “Pulchra Perusia” per testimoniare la vicinanza il legame tra la squadra e la sua città.

I Grifoni si troveranno davanti l’Arezzo, ultimo in classifica e senza 3 pedine importanti, Cherubin, Braga e Agazzi squalificati, ma che vuole risorgere dopo il cambio societario e l’avvento di Stellone in panchina. Per il Perugia c’è comunque l’obbligo della vittoria contro Cutolo e compagni, se non si vogliono perdere il treno delle pretendenti alla vittoria finale dove Modena e Sudtirol sembrano voler spingere sull’acceleratore in campo e sul mercato.

Così il tecnico Fabio Caserta:  “Il risultato arriva attraverso il gioco, così sarà anche contro l’Arezzo. Poi ogni gara presenta le sue insidie. La squadra a Fano ha dato tutto in un campo pesantissimo. Sono soddisfatto sotto questo punto di vista. Con l’Arezzo non dobbiamo guardare la classifica. Nelle difficoltà dobbiamo unirci ancora di più, serve essere più forti degli infortuni. Davanti abbiamo meno scelte, ma ci sono comunque giocatori validi che si sono fatti sempre trovare pronti. Non fasciamoci la testa. Possiamo cambiare qualcosa a livello tattico, ma soprattutto in base alla caratteristiche dei giocatori che vanno in campo. Entrambe le squadre daranno qualcosa in più visto che è una partita molto sentita. Dovremo essere belli compatti. E’ importante non prendere gol, poi la rete la possiamo fare in qualsiasi momento. Sarà un match difficile, anche se poi non so come Stellone ha preparato la partita”

I nuovi. Considerazioni sui nuovi: ” Di Noia è arrivato a Perugia con tantissima voglia e questa è una cosa importantissima. Certamente è un passo indietro agli altri dal punto di vista della condizione. Quest’anno ha giocato poco ma sta bene rispetto agli infortuni che ha subito lo scorso anno. Può interpretare più ruoli e ci darà una grossa mano ma bisogna avere pazienza. Per Melchiorri vedremo la prossima settimana. Elia può giocare avanti, lo sa fare visto che nasce come un esterno di attacco. Cancellotti ha giocato poco perché non è stato benissimo soprattutto nel mese prima di Natale. Valuterò domani se impegarlo. Rosi, al di là dei problemi extra calcio non ci sarà per infortunio”.

L’orario. Sull’orario insolito: “La partita a quest’orario non è facile da preparare soprattutto dal punto di vista alimentare. Abbiamo spostato l’allenamento in questa settimana per farci trovare pronti. Affronteremo anche questa difficoltà. Oggi poi è il secondo anniversario della morte di Leo (Cenci) e ci teniamo a dare qualcosa in più domani per ricordarlo al meglio”.

Le ultime. Probabile l’avanzamento di Elia accanto a Falzerano con Vano terminale offensivo. Conferme invece a centrocampo, mentre in difesa Favalli prenderà il posto dell’assente Crialese e Cancellotti dovrebbe giocare a destra.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere