CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, il consigliere Camicia manda una lettera aperta a Romizi su spostamento dirigente aree verdi

Politica Extra

Perugia, il consigliere Camicia manda una lettera aperta a Romizi su spostamento dirigente aree verdi

Redazione
Condividi

PERUGIA – Il consigliere Carmine Camicia ha inviato questa mattina al Sindaco Romizi una lettera aperta con la richiesta di informazioni sullo spostamento del dirigente alle aree verdi del Comune. Da anni il sottoscritto le ha sollecitato di spostare alcuni dirigenti –scrive Camicia- in quanto avevano da tempo dimostrato la poca predisposizione per le unità operative delle quali erano responsabili. Il dirigente delle Aree Verdi, ormai da tempo dava segnali di sofferenza e la sua sostituzione doveva essere un atto immediato, al fine di garantire alla città dei servizi che ogni giorno diventavano sempre più precari”. “Per quanto sopra –prosegue il consigliere nella missiva al Sindaco- nel rispetto dei ruoli istituzionali, le rendo noto che spostare un dirigente è facoltà del primo cittadino, ma i consiglieri devono essere messi a conoscenza di queste decisioni e apprenderle dal Vice Sindaco, in un’assemblea pubblica, come quella tenutasi ieri in località Piccione, sicuramente non è il massimo, anche perché il Vice Sindaco ha riferito solo parzialmente dello spostamento, senza indicare la nuova destinazione della dirigente in questione”. Camicia chiede “l’atto con il quale è stata spostata la dirigente, il nominativo del sostituto e dove è stata collocata l’ex dirigente delle aree verdi”.

In attesa di quanto richiesto –scrive ancora Camicia in conclusione, rivolgendosi al Primo cittadino- la inviterei a rivedere di sana pianta la riorganizzazione delle unità operative, e la riorganizzazione della macchina comunale che continua ad essere lenta e macchinosa. Sarebbe utile rivedere con urgenza anche la posizione di altri dirigenti, che forse potrebbero essere anche contenti di essere spostati in altre unità operative”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere