CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, Il Capolavoro al Tangram con le musiche dei grandi compositori

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

Perugia, Il Capolavoro al Tangram con le musiche dei grandi compositori

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – È stata presentata stamani a Perugia la stagione cameristica Il Capolavoro al Tangram, organizzata dall’associazione Ars et Labor. Dopo il successo della scorsa edizione, l’associazione perugina torna a proporre una stagione con un cartellone che vedrà in scena allo spazio Tangram Design di Perugia, tra il 15 febbraio e il 5 luglio, numerosi brani di musica da camera di raro ascolto.

“La rassegna – ha spiegato il direttore artistico Christa Bützberger – nasce dal desiderio di presentare capolavori conosciuti e meno conosciuti dei grandi compositori classici, in un ambiente idoneo come appunto il “Tangram”. Ogni concerto vedrà protagonista un unico brano, oppure un gruppo di brani affini per dare la possibilità di approfondire l’ascolto, permettendo di scoprire dal vivo l’infinita ricchezza che ogni capolavoro possiede”.

Il programma – Ouverture di stagione affidata, mercoledì 15 febbraio, al Trio Ars et Labor che si cimenterà con due pagine di Ludwig van Beethoven, oltre ad essere anche protagonista della serie di concerti dedicati alla produzione per trio con pianoforte di Antonín Dvořák, tema centrale della programmazione sotto il titolo I profumi della Boemia, in programma per il 15 marzo, 5 aprile e 21 giugno. Per la sezione “Volti nuovi”, mercoledì 22 febbraio si terrà il concerto del pianista perugino Artin Bassiri Tabrizi, mentre il 7 giugno torna l’attesissimo musicista Cosmin Boeru, quest’anno in duo pianistico con Christa Bützberger. Il 5 luglio debutterà il giovane Trio Sfera di Perugia, che realizzerà il famoso trio “Dumky”, sempre di Dvořák. Anche il concerto del pianista Andrea Vivanet, in programma per il 10 maggio 2017, sarà dedicato a questo compositore, con pagine per pianoforte solo e a quattro mani insieme a Christa Bützberger. Completano il programma tre appuntamenti con strumenti a fiato, con il gradito ritorno dell’oboista Christian Schmitt, che insieme alla pianista perugina Alessandra Gentile e la violista Kaethe Shore, farà conoscere nei due appuntamenti del Viaggio musicale con l’oboe in programma per l’8 marzo e il 24 maggio, un’affascinante parte di un repertorio poco eseguito. Grande attesa per l’esibizione del clarinettista umbro Ivano Rondoni insieme a Christa Bützberger nel concerto Il clarinetto romantico, giovedì 2 marzo.

“È con piacere che ospito questi grandissimi musicisti – ha commentato la Consigliera di Parità Gemma Bracco – che ho avuto occasione di incontrare qui in Provincia durante il concerto di Natale. L’associazione Ars et Labor presenta la loro seconda stagione concertistica dopo il successo avuto nella prima edizione. Da febbraio a luglio 2017 questo quartetto di archi proporrà musica classica di indiscussa qualità, perché questa musica, dalla quale nascono tutte quelle più moderne, dovrebbe essere la colonna sonora della vita di tutti noi. I musicisti de “Il Capolavoro al Tangram” hanno eletto Perugia a città ideale per la loro musica e noi sappiamo bene quanto sia importante in questo momento storico, valorizzare la nostra bella Regione”. 

Alla conferenza stampa di presentazione erano presenti anche Martina Stäuble, presidente dell’associazione Ars et Labor, Héloïse Piolat e Sara Gianfriddo del Trio Ars et Labor. La stagione cameristica è stata realizzata con il patrocinio del Comune di Perugia, in collaborazione con l’Associazione Culturale Tangram che opera nel campo della condivisione partecipativa in ambito artistico, culturale ed associativo.

Tags: