CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, Grifo Agroalimentare: progetti di crescita e rafforzamento

Economia ed Imprese Perugia

Perugia, Grifo Agroalimentare: progetti di crescita e rafforzamento

Redazione economia
Condividi

Un momento dell'assemblea
PERUGIA –  “Il 2017 è stata una buona annata, approviamo il bilancio con soddisfazione, condivisa anche dal corpo sociale. Un anno in cui abbiamo fatto delle operazioni importanti, abbiamo incrementato il fatturato di una misura rilevante, viste anche le condizioni esterne”. Sono le parole del presidente Carlo Catanossi nel corso dell’assemblea annuale dei soci del Gruppo Grifo Agroalimentare nella sede della cooperativa umbra a Ponte San Giovanni, cui ha partecipato anche l’assessore regionale Fernanda Cecchini.

 

Cifre I ricavi delle vendite del 2017 si sono attestati infatti su 54.103.885 euro con un incremento dell’1,33 per cento rispetto all’esercizio precedente, mentre il prezzo medio annuo del latte bovino percepito dai soci è stato di 0,40113 euro al litro. “Per l’attività che siamo riusciti a svolgere – ha aggiunto Catanossi – siamo tornati a un conguaglio di fine anno per cui distribuiremo ai soci oltre un milione di euro. Anche nel 2018 torneremo a fare un accantonamento di capitale perché ci rendiamo conto che ci aspettano ancora investimenti, attività e prospettive”.

I progetti Guarda infatti avanti con fiducia il Gruppo Grifo Agroalimentare in un’ottica di rafforzamento della sua struttura e anche di riqualificazione degli impianti dal punto di vista tecnologico e ambientale. “Vogliamo consolidarci – ha detto ancora Catanossi –, stiamo lavorando molto sulla espansione della rete commerciale con notevole soddisfazione. La prossima settimana saremo al Cibus a Parma, ci aspettiamo molto da questo appuntamento. Questo è anche l’anno in cui avvieremo alcuni lavori di ristrutturazione tecnologica nello stabilimento di Ponte San Giovanni e completeremo gli impianti di depurazione, soprattutto quello più importante dello stabilimento di Colfiorito. Quindi, andiamo verso un rispetto totale del territorio, dell’ambiente in cui siamo, ma anche una buona funzionalità rispetto a quella che attualmente abbiamo”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere