CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, Giubilei presenta la sua lista: “Dentro le diverse anime della città”

Politica

Perugia, Giubilei presenta la sua lista: “Dentro le diverse anime della città”

Redazione politica
Condividi

Un momento della presentazione

PERUGIA – “Idee, Persone, Perugia è il progetto civico, al quale stiamo lavorando con impegno e dedizione, che sosterrà la mia candidatura a sindaco di Perugia. Nato dalla società civile, è espressione di tante anime e sensibilità della nostra città”. Sono queste le parole di Giuliano Giubilei per descrivere i connotati di una delle liste elettorali che lo affiancherà nel corso della campagna per le elezioni amministrative. Ovvero, la sua lista: quella che più di altre punta sul suo profilo di candidato a sindaco.

Proposte Tema dell’evento di martedì mattina, alla sala della libreria a Umbrò, sulle scalette di Sant’Ercolano a Perugia, i dieci punti chiave che compongono il nucleo del programma elettorale del candidato sindaco. Un corpo di idee, proposte e suggestioni che delineano una visione del futuro della città, nati dalla partecipazione con cittadini e associazioni, che saranno le fondamenta di un cantiere programmatico aperto – che lavorerà sino alla fine di aprile – per accogliere i contributi e le osservazioni di tutti quanti vorranno partecipare. Un cantiere delle idee per completare la proposta elettorale per una Perugia più dinamica, viva e vitale.

L’attacco Questa volta Giubilei si scioglie un po’ e prova a mettere nel mirino il diretto avversario, ovvero il sindaco uscente Andrea Romizi: “Perugia ha avuto negli ultimi cinque anni una guida che non ha saputo andare al di là del piccolo cabotaggio quotidiano, senza proporre una visione strategica per la città. La nostra città deve invece avere l’ambizione di guardare lontano”, ha commentato Giubilei a margine della conferenza stampa. “Una città – ha continuato – che riconquisti il ruolo di capitale della regione e il centro della scena. Un modello per altre città, non solo in Umbria, ma in Italia ed Europa. Una Perugia aperta al mondo, che sappia immaginare se stessa nel 2030”.

La Lega Poi l’affondo sulla Lega su cui Giubilei insiste da diverse settimane: “Di Romizi la gente dice che è un bravo ragazzo, di certo si è conquistato una certa benevolenza più che una autorevolezza politica, Il problema è che, qualora vincesse, stavolta sarebbe ‘prigioniero politico’ di Salvini e Pillon. Sento che i suoi dicono agli elettori che devono votare per le sue liste civiche per non essere fagocitati dalla Lega. Ma è una assurdità: sono o non sono alleati?”.

Mobilità Poi per quanto riguarda i temi sui imprimere una svolta il candidato sindaco del centrosinistra mette al centro la mobilità: “Uno degli ambiti cruciali su cui occorre cambiare rotta sono le politiche che incentivano l’uso del mezzo privato. I parcheggi – ha continuato il candidato sindaco, parlando di uno dei temi fondamentali della proposta elettorale – devono avere tariffe più convenienti e con una diversa modulazione oraria. Perugia deve essere ‘laboratorio della mobilità sostenibile’. Il trasporto pubblico locale va profondamente ripensato: dai percorsi, agli orari (compresa la mobilità notturna), all’impiego di mezzi più piccoli ed ecosostenibili. Serve ancora una volta una coraggiosa riforma dei piani urbani della mobilità che in primo luogo completi quei percorsi avviati in passato, che si sono dimostrati vincenti, ma che passi anche per una vera e profonda partecipazione dei cittadini. La priorità – ha concluso Giubilei – sarà di sviluppare il trasporto pubblico urbano sfruttando la rete ferroviaria già esistente in città, anche per garantire un più agevole accesso a chi viene dall’area Nord del territorio comunale”. Ha questo proposito, secondo Giubilei, sarà fondamentale sarà quindi sfruttare le reti ferroviarie che attraversano la città (ex Fcu fino a Sant’Anna e Rfi lungo la direttrice Ponte San Giovanni-Fontivegge-Facoltà di Ingegneria-ex Silvestrini), facendo passare convogli che rispettino frequenze da metropolitana, come avviene in moltissime città. Basterà questo a convincere i perugini? La campagna elettorale e lunga. Si vedrà.

Cinque Stelle Per quanto riguarda i Cinquestelle Giubilei intuisce le contraddizioni che si sono aperte dopo l’esclusione di Rosetti: “Guardo con grande interesse quello che succede nel loro campo. Mi stupisco per la scelta fatta a Roma, anzi a Milano dalla Casaleggio associati sulla candidata sindaco, perché Rosetti in consiglio comunale ha fatto un lavoro egregio di opposizione. Detto questo, io cercherò un dialogo con gli elettori che in questi anni li hanno votati, ma sul programma: credo possano riconoscersi in un progetto basato su partecipazione, ambiente, sociale”. Per quanto riguarda invece Katia Belillo, Giubilei conferma di averla incontrata e si augura di riaprire il discorso “al momento del ballottaggio”.

Galgano con Romizi Nel frattempo sul fronte di centrodestra l’ex parlamentare Adriana Galgano va in appoggio a Romizi. La presidente di Blu – Bella Libera Umbria lo ha reso noto attraverso un video girato in piazza IV Novembre insieme al primo cittadino. “Buongiorno – dice -. Sono Adriana Galgano e qui con me c’è il sindaco Romizi. Abbiamo una bella notizia da darvi: ci sarà anche la lista Blu – Bella e Libera Umbria a sostegno di Andrea alle prossime elezioni. Siamo certi che insieme  renderemo Perugia una città più raggiungibile e collegata con il mondo, dove sarà  facile trovare lavoro e sarà sempre più bello crescere, studiare, lavorare, innovare, condividere e vivere”. Questo è il quadro.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere