CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, furti in ospedale: scoperta insospettabile, era un’operatrice socio sanitaria

Perugia Cronaca e Attualità

Perugia, furti in ospedale: scoperta insospettabile, era un’operatrice socio sanitaria

Redazione
Condividi

Infermiera in corsia (foto d'archivio)

PERUGIA – Da circa un anno in vari reparti del nosocomio cittadino si registravano episodi di furti perpetrati sia in danno di degenti e familiari che li assistevano che del personale che vi opera.

Le indagini  Le indagini degli agenti del posto fisso della polizia, hanno fatto emergere un dettaglio significante: in occasione di quattro furti commessi su reparti differenti era presente una perugina di 45 anni, dipendente dell’ospedale come operatrice socio sanitaria. Le risultanze investigative suffragavano la tesi accusatoria che la donna, approfittando del proprio ruolo e della facilità di movimento all’interno del nosocomio legata all’assolvimento dei propri compiti, si sarebbe resa responsabile della sottrazione di somme di denaro asportate dalle borse lasciate incustodite dalle vittime.

Insospettabile  Pesante il quadro indiziario a suo carico, che la vede sempre presente sui luoghi ove venivano commessi i furti.

I casi  L’operatrice, infatti, era in servizio nella sala operatoria del reparto di ortopedia quando ad una dipendente che si stava cambiando venivano sottratti 150 € dalla borsa lasciata incustodita. La sua presenza è stata registrata anche nella sezione di trapianto di midollo osseo ove aveva chiesto di accedere al bagno dei dipendenti e da dove, poco dopo, si registrava l’ammanco da un portafoglio di 80 €. Lo stesso copione si è ripetuto nel reparto di Geriatria ove era stata temporaneamente assegnata e ove si è scoperto il furto di 20 euro in danno di una badante proprio poco dopo che la 45enne si era introdotta nella stanza avendo avuto cura di chiedere agli occupanti uscire per poter assolvere ai propri compiti di pulizia. Sempre nel reparto di geriatria, anche un’infermiera è stata vittima del furto di 50 € custoditi nel portafoglio, sempre in circostanze che vedevano presente l’operatrice socio sanitaria.

Accusata  Sulla donna pende ora un procedimento penale nel corso del quale dovrà difendersi dalle pesanti ed ampiamente circostanziate accuse mossele dalla procura di Perugia. Nelle more della definizione processuale della vicenda, il giudice per le indagini preliminari ha ritenuto di rispondere positivamente alle richieste di applicazione di misure cautelari avanzate dal pubblico ministero valutando come congrua l’applicazione all’ex operatrice ospedaliera della sospensione dall’esercizio di pubblico servizio.

Allontanamento dall’incarico  Il provvedimento è stato eseguito nei giorni scorsi dai poliziotti del posto fisso di polizia dell’ospedale allorché alla 45enne è stata notificata la relativa ordinanza con la quale viene allontanata momentaneamente dal suo incarico.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere