CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, fingeva visite mediche per non andare al lavoro: arrestato dipendente pubblico assenteista

Cronaca e Attualità

Perugia, fingeva visite mediche per non andare al lavoro: arrestato dipendente pubblico assenteista

Alessandro Minestrini
Condividi

PERUGIA – Forniva certificati falsi per non andare al lavoro. Per questo martedì scorso è stata eseguita una misura di custodia cautelare domiciliare, disposta dal Gip del Tribunale di Perugia, da parte dei militari del Nas al seguito del capitano Marco Vetrulli e del Nil di Perugia, a carico di un dipendente pubblico in servizio nel capoluogo perugino. Le indagini svolte, inquadrate in più ampi controlli relativi al  fenomeno dell’assenteismo svolti dai due reparti su input dei propri dicasteri, hanno evidenziato, a carico di un dipendente amministrativo della Direzione territoriale del lavoro di Perugia, reiterate condotte perpetrate ai danni della propria amministrazione di appartenenza, consistite nei ripetuti allontanamenti dal luogo di lavoro, giustificati con certificazioni risultate contraffatte.

In particolare in almeno 37 occasioni, dall’anno 2013, il dipendente non si era presentato al lavoro giustificandosi fornendo certificati medici attestanti l’esecuzione di visite mediche specialistiche. Vista l’eccessiva mole di certificazioni mediche e le varie branche specialistiche interessate, l’amministrazione di competenza segnalava la vicenda ai militari operanti i quali predisponevano mirate indagini, durate circa 8 mesi, sia presso le strutture sanitarie interessate sia nei pressi dei luoghi frequentati dal dipendente pubblico. Veniva così accertato come le visite contestate non siano mai state effettuate ed i relativi certificati mai rilasciati.

In alcuni casi i timbri lineari e firma figuranti sulla certificazione sono risultati oggetto di furto presso nosocomi e strutture sanitarie umbre, in altri i medici indicati sono risultati oramai in pensione da alcuni anni. Dopo alcuni mesi d’indagine veniva effettuata una perquisizione domiciliare in cui, debitamente occultati in un locale non di pertinenza dell’abitazione, sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro penale numerosi timbri lineari e gruppi firma, gli stessi delle certificazioni prodotte, relativi a reparti medici dell’ospedale Santa Maria della Misericordia, della Asl Umbria 1 e altre amministrazioni pubbliche, nonché carta intestata di numerosi uffici e reparti medici.

Dopo la perquisizione subita il soggetto vistosi scoperto, rientrava in servizio e il primo giorno simulava, come concordato con amici e parenti, un grave infortunio sul lavoro al fine di ottenere così la totale libertà di assentarsi dall’ufficio, senza dover così sottostare alla fasce orarie di controllo fiscale, ed i benefici economici connessi. Le ipotesi di reato contestate sono ricettazione, falso e truffa aggravata ai danni dello Stato.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere