CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, ferma la corsa dell’autobus e dà in escandescenze: giovane denunciato

Perugia Cronaca e Attualità

Perugia, ferma la corsa dell’autobus e dà in escandescenze: giovane denunciato

Redazione
Condividi

La Questura di Perugia

PERUGIA – Nella serata di ieri, intorno alle ore 21:30 circa, personale della Squadra Volante, su richiesta della Sala Operativa della Questura di Perugia, interveniva presso la zona della stazione Fontivegge di Perugia a causa della presenza di un cittadino extracomunitario intento, con modi palesemente aggressivi, ad ostacolare, la marcia di un’auto in servizio notturno.

L’autista del mezzo, intento a rallentare la marcia al fine di fermarsi ad una fermata per la salita e discesa di eventuali passeggeri, veniva raggiunto dal soggetto all’altezza dell’ingresso anteriore del bus il quale colpendo le porte del varco con una serie di pugni inveiva contro il conducente recriminando il fatto che lo stesso non aveva proceduto ad arrestare il mezzo all’altezza della fermata precedente.

Subito dopo l’uomo si portava proprio di fronte all’autobus al fine di impedirne la ripartenza. Immediatamente, l’autista del bus, vista la criticità della situazione, preoccupato per la propria incolumità e quella dei passeggeri presenti nel mezzo allertava immediatamente la Sala Operativa della Questua di Perugia la quale inviava un equipaggio della Squadra Volante sul posto.

All’arrivo degli agenti il comportamento dell’uomo, identificato poi come un cittadino extracomunitario liberiano di 27 anni, non si calmava assolutamente tutt’altro, mostrandosi ancor più infastidito della loro presenza e urlando aggressivamente agli operatori che l’autista non si era fermato volutamente alla fermata precedente.

La presenza degli agenti ha impedito che l’uomo riversasse la sua violenza sull’autista dell’autobus. Con non poca fatica i poliziotti riuscivano a contenere il soggetto disinnescando la sua escalation aggressiva e una volta identificato e condotto i dovuti accertamenti a proprio carico lo deferivano all’Autorità Giudiziaria per il reato di interruzione di pubblico servizio.