CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, evade sospetto terrorista: scatta subito la caccia all’uomo

Perugia Cronaca e Attualità Extra EVIDENZA2 Città

Perugia, evade sospetto terrorista: scatta subito la caccia all’uomo

Redazione
Condividi

L'esterno del carcere di Capanne

PERUGIA – Ha fatto perdere le sue tracce un nordafricano in semilibertà presso il carcere di Perugia dove stava scontando una condanna per spaccio di droga. A denunciarlo sono i sindacati della polizia penitenziaria Osapp e Sappe secondo i quali lo straniero era monitorato “per radicalismo islamico” ed aveva pendente un provvedimento di espulsione dall’ Italia.

La denuncia dell’Osapp Per il segretario generale dell’ Osapp, Leo Beneduci, “non si può assistere inermi dinanzi al fenomeno delle carceri ‘colabrodo’ in cui l’ unica occasione certa è quella di darsi alla fuga”. “Siamo alla deriva istituzionale – aggiunge – e questo è inaccettabile, per rispetto delle donne e degli uomini della polizia penitenziaria, degli operatori e di coloro che credono nella dignità dell’ esecuzione penale che non può avere questi esiti beffardi”.

Sappe Fabrizio Bonino, segretario per l’ Umbria del Sappe, chiede di fare “chiarezza sulla vicenda in sé, sulla mancata espulsione dell’ Italia e sul fatto che un detenuto monitorato per radicalismo islamico fruisca di benefici penitenziari che gli consentono di uscire dal carcere”. Donato Capece, segretario generale dello stesso sindacato sottolinea che “nel 2017 si sono verificate, nelle carceri italiane, 18 evasioni da istituti penitenziari, 36 evasioni da permessi premio, 17 da lavoro all’ esterno, 23 da semilibertà e 33 mancati rientri di internati”. “Dati minimi – aggiunge -, rispetto ai beneficiari. Questo non deve però inficiare l’ istituto della concessione delle ammissioni al lavoro all’ esterno o dei permessi ai detenuti”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere