CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, dopo lo scandalo Don Lucio Gatti torna allo stato laicale

Perugia Cronaca e Attualità Extra EVIDENZA2 Città

Perugia, dopo lo scandalo Don Lucio Gatti torna allo stato laicale

Redazione
Condividi

PERUGIA – Ha lasciato la tonaca su sua richiesta don Lucio Gatti, in passato direttore per diversi anni della Caritas di Perugia. Lo ha reso noto la Curia del capoluogo umbro spiegando che l’ ormai ex religioso “ha chiesto e ottenuto dal Santo Padre Francesco di tornare alla vita laicale, con dispensa dagli obblighi provenienti dalla sacra ordinazione, ricevuta il primo giugno 1996”. Gatti ha rinunciato allo stato clericale, come previsto dal Codice di diritto canonico.

Accuse “La Chiesa Perugino-Pievese, che ha generato don Lucio al sacerdozio – è detto ancora nella sua nota -, accoglie con sincero rispetto il suo gesto e assicura la sua preghiera”. Quando era direttore della Caritas don Gatti venne accusato di molestie sessuali nei confronti di alcuni ospiti della struttura di accoglienza. Nell’ ottobre del 2011 la Diocesi – guidata dal vescovo, attuale cardinale, Gualtiero Bassetti – avviò un’ indagine che ne portò, nell’ aprile del 2012, alla “sospensione da ogni attività pastorale”.

Condanna patteggiata Da allora si era quindi ritirato a vita privata. Nel gennaio del 2014 don Gatti patteggiò quindi una condanna a due anni di reclusione davanti al gup di Perugia. Attraverso il suo difensore sottolineò all’ epoca che la scelta non doveva essere letta come un’ ammissione di responsabilità ma come “precisa volontà di definire, in tempi rapidi, le contestazioni di addebito, evitando maggiori tensioni emotive e prolungate strumentalizzazioni che coinvolgono soggetti estranei alla vicenda”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere