CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, di cupo non c’è solo il cielo: finisce 1-1 con la Salernitana

Calcio Perugia Sport Extra EVIDENZA2 Città

Perugia, di cupo non c’è solo il cielo: finisce 1-1 con la Salernitana

Alessandro Minestrini
Condividi

Alberto Cerri (foto Roberto Settonce)

PERUGIA-SALERNITANA 1-1

PERUGIA (3-4-1-2): Leali, Pajac (76′ Terrani), Magnani, Gustafson (60′ Diamanti), Mustacchio, Di Carmine, Buonaiuto, Volta, Belmonte, Bianco (47′ Colombatto), Cerri. A disp.: Santopadre, Nocchi, Zanon, Gonzalez, Del Prete, Kouan. All. Breda

SALERNITANA (4-3-3): Radunovic, Vitale, Mantovani, Signorelli, Rosina, Casasola, Tuia, Minala (66′ Odjer), Akpa Akpro (82′ Ricci), Bocalon (70′ Rossi), Monaco. A disp.: Adamonis, Pucino, Kiyine, Palombi, Schiavi, Di Roberto, Asmah, Sprocati, Popescu. All. Popescu

ARBITRO: Fabio Piscopo di Imperia (Bresmes – Colarossi)

RETI: 19′ Rosina, 50′ Di Carmine

NOTE: 2.127 paganti per un totale di 8.207 spettatori. Ammonito Di Carmine, Minala, Cerri, Colombatto, Monaco, Vitale

PERUGIA – Niente da fare nemmeno nel giorno della Festa dei Lavoratori per il Perugia, che contro la Salernitana martedì pomeriggio si è dovuto accontentare di uno scialbo, insignificante e incolore 1-1. Nel primo tempo i grifoni soffrono parecchio la grinta della squadra di una vecchia conoscenza del calcio perugino come Stefano Colantuono. Nel secondo tempo la situazione migliora: prima i grifoni agguantano il pareggio, poi provano in vari modi ad andare in vantaggio, ma sia l’opposizione dei granata sia la scarsa precisione, fanno finire il match in parità.

Primo tempo Primi 45′ pressoché da dimenticare per il Perugia. Al 3′ Di Carmine è solo in area e non riesce ad agganciare il suggerimento di Gustafson. Al 5′ il gioco viene fermato per consentire ai sanitari di soccorrere Cerri, dolorante a causa di una botta con un granata. Al 7′ Cerri calcia debolmente e la difesa ospite non ha alcun problema a respingere. All’8′ una conclusione dello svedese in forza ai biancorossi va a sbattere contro il palo. Al 19′ giallo per Di Carmine dopo aver ingenuamente commesso fallo in attacco. Al 21′ la Salernitana si porta in vantaggio. Casasola tira al volo. Leali para ma sulla respinta si avventa Rosina che firma l’1-0. I grifoni provano a reagire un minuto dopo. Di Carmine e Cerri vanno spediti verso l’area avversaria e Radunovic ci mette del suo per sguastare tutto. I campani fanno di tutto per difendere il risultato e non lasciano spazio di manovra agli umbri. Al 40′ Minala atterra Mustacchio e finisce sulla lista dei cattivi. Sul finire dei 4′ di recupero decisi dal direttore di gara avviene un episodio dubbio. Cerri cade in area. Il contatto sembra evidente, ma l’arbitro ammonisce l’attaccante perugino per simulazione.

Secondo tempo Dopo 3′ dall’inizio della ripresa Colombatto entra al posto di Bianco. I grifoni rialzano la china e 120″ dopo pareggiano i conti. Pajac battaglia e lancia un traversone da sinistra per Di Carmine. Il bomber colpisce di testa e non lascia scampo agli avversari. Al 7′ giallo per Colombatto dopo un fallo tutt’altro che eclatante. Sugli sviluppi di un corner, al 13′, si crea una mischia in area dalla quale il Perugia esce indenne. Al quarto d’ora del secondo tempo fa il suo ingresso in campo Diamanti, con Gustafson che va a sedersi in panchina. Buonaiuto pericoloso al 21′; l’estremo difensore salernitano scongiura il peggio. Al 22′ Odjer prende il posto di Minala. Al 24′ fendente di Diamanti respinto respinto con fermezza da Radunovic. Altro cambio per gli ippocratici al 25′: Bocalon per Rossi. Poco dopo terzo e ultimo cambio per il Grifo, con Terrani che si avvicenda con Pajac. Al 34′ calcio di punizione per il padroni di casa. Diamanti va al tiro mandando la sfera fuori di parecchio. Al 38′ Colantuono termina le sostituzioni mettendo l’ex Ricci al posto di Akpa Akpro. Al 39′ l’altro grifone passato Monaco viene ammonito dopo un contatto irregolare su Terrani. Successivamente il portiere dei granata si rende protagonista di due prodezze da applausi su Cerri e Diamanti che fanno restare a bocca asciutta i locali. Negli ultimi minuti gli animi si scaldano e viene sfiorata la rissa. Al 51′ arriva il triplice fischio che fa terminare 1-1 la gara.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere