sabato 4 Febbraio 2023 - 10:46
-1.2 C
Rome
- Pubblicità -spot_img
spot_img

Perugia, corruzione all’Agenzia delle entrate: un dipendente arrestato e un altro sospeso

Divieto di esercitare la professione a carico di un perito agrario. Complessivamente 18 indagati

PERUGIA – Un sistema di corruzione da parte di alcuni dipendenti dell’Agenzia delle entrate di Perugia, relativo a pratiche catastali di vario genere, è stato scoperto a Perugia dalla guardia di finanza che ha eseguito un’ordinanza del Gip del Tribunale dello stesso capoluogo umbro di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un dipendente del locale ufficio provinciale dell’Agenzia delle entrate, delle misure interdittive della sospensione per otto mesi dall’esercizio del pubblico ufficio a carico di un altro dipendente della medesima Agenzia e del divieto di esercitare la libera professione di perito agrario per 12 mesi nei confronti di una terza persona. L’indagine riguarda, però, complessivamente 18 persone. Si tratta anche di persone che avrebbero ottenuto favori dai tre dipendenti pubblici.

I reati contestati

I reati contestati, a vario titolo, sono quelli di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, istigazione alla corruzione e accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico. Gli accertamenti avevano preso l’avvio da dettagliate denunce anonime. Dopo numerosi riscontri anche documentali, sono state fatte intercettazioni telefoniche, poi supportate da accertamenti bancari e da verifiche dei sistemi informatici dell’Agenzia del territorio, attività svolte grazie alla piena collaborazione della Direzione Centrale Audit dell’Agenzia delle entrate. Gli accertamenti hanno consentito di acquisire gravi indizi di un sistematico svolgimento, da parte di un dipendente dell’ex Ufficio del Catasto di Perugia, destinatario della misura cautelare, di attività parallele a quella istituzionale, spesso intersecata con la stessa, e consistenti nella redazione di atti di aggiornamento catastale, nella effettuazione di visure e redazione di planimetrie, per le quali venivano richieste erogazioni economiche.

I beneficiari

I beneficiari di tali condotte, oltre che privati cittadini, sarebbero stati anche professionisti che si rivolgevano all’indagato principale per fruire di servizi che, se perseguiti per le vie lecite, avrebbero avuto maggiore durata ed esito incerto. Nel dettaglio, gli elementi probatori raccolti hanno disvelato gravi indizi dell’esistenza di “un sistema consolidato e parallelo di evasione di pratiche catastali di vario genere – riferisce ancora la procura – da parte del dipendente pubblico, che, avvalendosi delle risorse e degli strumenti dell’amministrazione di appartenenza, con la collaborazione di un collega e sfruttando l’abilitazione professionale del coniuge, avrebbe asservito il proprio pubblico ufficio a fini privatistici e personali”.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]