CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, confronto Cucinelli-Bassetti: “I giovani di oggi vanno ascoltati”

Perugia Cronaca e Attualità Extra EVIDENZA2

Perugia, confronto Cucinelli-Bassetti: “I giovani di oggi vanno ascoltati”

Redazione
Condividi

Un momento dell'incontro

PERUGIA – Il cardinale Gualtiero Bassetti e l’imprenditore Brunello Cucinelli. Due personalità e due personaggi molto diversi ma accomunati dalla voglia di trasmettere ai giovani l’idea di “una vita che deve essere fatta di grandi ideali”. Il presidente della Cei e il re del cashmere, partendo dai ricordi della loro infanzia, dei primi anni di maturità giovanile ed anche delle prime ‘tentazioni’, questa mattina a Perugia hanno incontrato e dialogato con alcuni studenti durante un incontro pubblico inserito all’interno di UniverCity 2018: una tre giorni, ricca di appuntamenti e che terminerà domani, dedicata proprio al mondo dei giovani universitari.

Cassetti I due relatori, intervistati dalla giornalista Donatella Miliani, ai ragazzi intervenuti nella Sala del Dottorato del Chiostro di San Lorenzo hanno voluto sottolineare come oggi sia fondamentale “avere cura degli altri e del Creato”. Bassetti, ricordando le questioni inserite nel recente documento uscito dal Sinodo (“il Papa ora potrà pure ritoccare qualcosa se vuole” ha aggiunto il cardinale), ha evidenziato la sostanza contenuta nel testo: “I ragazzi ci hanno detto che non bisogna dirgli solo come devono fare e perché lo devono fare, ma vogliono essere ascoltati. Sono consapevoli che questo è un mondo in cui non si dialoga più. Vogliono camminare con gli adulti al loro fianco, per essere aiutati, ma la strada la vogliono trovare da soli”. Per il cardinale, quindi, i giovani “vogliono essere protagonisti della loro vita e dei loro sogni e quindi noi dobbiamo solo accogliere questi sogni e interpretarli”.

Cucinelli Secondo Cucinelli “dobbiamo tornare a parlare con i giovani trasmettendo loro l’idea della speranza e allontanando un po’ quella che invece gli abbiamo trasmesso, la paura, Noi padri dobbiamo tornare ad essere i garanti, quelli che coprono le loro spalle. Bisogna tornare a pensare ai grandi ideali come politica, spiritualità e famiglia oltre che ridare al lavoro dignità morale ed economica, trasmettendo i valori del lavoro e dello studio nella stessa identica maniera”.

Le infanzie Sono partiti dalla propria infanzia, con i loro racconti, sia mons. Bassetti per finire poi a parlare delle tentazioni della vita. Su questo il cardinale Bassetti ha ricordato un aneddoto, durante il suo periodo di seminarista, che lo ha portato ad avere una sorta di “crisi” di vocazione che così ha ricordato e spiegato: “Le tentazioni ti mettono alla prova e nella mia vita questa c’è stata. Ho capito cosa significava l’innamoramento quando mi innamorai di una, come me giovane, catechista. Rientrai in seminario con questo sentimento positivo che ho vissuto capendo cosa significava e cosa era. Questo mi ha portato in futuro anche a capire gli altri”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere