CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, chiedevano soldi in cambio di un posto di lavoro: truffate centinaia di persone

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Extra

Perugia, chiedevano soldi in cambio di un posto di lavoro: truffate centinaia di persone

Redazione
Condividi

Un operazione della Guardia di finanza

PERUGIA – Sono complessivamente sette gli indagati, a piede libero, coinvolti nell’ inchiesta della guardia di finanza di Perugia su una presunta organizzazione accusata di avere promesso il superamento di concorsi in cambio di denaro. A loro carico è stato ipotizzato il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di influenze illecite (contestato anche nel caso in cui vengano solo millantati i contatti, come sta emergendo in questi casi) e alla truffa.

Indagine L’ indagine è coordinata dalla procura di Spoleto in quanto nella città umbra risiede uno dei presunti appartenenti al gruppo. Per guadagnare la fiducia degli ignari ‘clienti’, il sedicente agente dei servizi segreti considerato promotore dell’ associazione criminale – riferiscono gli investigatori – organizzava appositi incontri, documentati dai finanzieri con intercettazioni, pedinamenti ed appostamenti, ai quali prendevano parte, di volta in volta, un falso generale dell’ esercito, un asserito principe a capo di un ordine cavalleresco, un vescovo non appartenente alla Chiesa cattolica ed un alto sedicente ufficiale della polizia penitenziaria.

Documenti Veniva quindi richiesta tutta la documentazione necessaria per partecipare ai concorsi (curriculum, fotografie formato tessera, certificati di residenza e dei carichi pendenti e altro). In alcune circostanze – è emerso dagli accertamenti -, sono stati forniti anche falsi quiz precompilati, definiti necessari al superamento delle prove concorsuali, che venivano fatti firmare agli interessati. Altre volte, infine, sono stati organizzati veri e propri esami clinici e visite mediche presso un centro diagnostico romano.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere