CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, bufera sul consigliere comunale Bonifazi: “Sono razzista e me ne vanto”

Perugia Politica

Perugia, bufera sul consigliere comunale Bonifazi: “Sono razzista e me ne vanto”

Redazione
Condividi

PERUGIA – A Perugia, come a Terni. Dopo il caso della consigliera comunale Giulia Silvani, che definì ‘bestiacce’ gli immigrati e dopo la condanna per razzismo dell’assessore regionale alla sanità Luca Coletto quando ricopriva lo stesso incarico in Veneto, ecco puntuale la nuova polemica. Il consigliere comunale di Perugia, leghista, Davide Bonifazi, in un lungo post, si definisce ‘orgogliosamente razzista’. “Sono razzista e me ne vanto’, scrive in testa ad un lungo post nel quale campeggiano – come sbagliarsi – tricolore e crocifisso.
In realtà Bonifazi posta un meme, tipicamente gentista e populista nel quale si definisce razzista perchè “amo l’Italia,il cibo italiano, difendo con le unghie il Duomo, il Colosseo, la reggia di Casera (si, Casera, non Caserta!) e non permetterò che vengano sostituiti da costruzione di altri popoli”. E si dice razzista perchè ha avuto connazionali tutta una serie di personaggi, dimenticandosi che Giotto, Leonardo e Dante sono vissuti prima che esistesse il concetto di Italia. Sino all’immancabile rispetto delle leggi, della tradizione e della Fede. Il post intero lo trovate qui sotto.

Proteste dal Pd  Sarah Bistocchi, capogruppo Pd in Comune, in apertura di consiglio comunale, lo ha invitato “a scusarsi pubblicamente o a lasciare l’aula. È un manifesto della razza 3.0”. Debole e confusa la replica di Bonifazi: “Non sono mai stato razzista. Solo che ero preso dalla chat, ho risposto a un signore ed è venuto fuori un pasticcio”.

Ancora più duro il consigliere comunale Tommaso Bori: ” No, non ci si può “vantare” di essere razzisti. E no, tanto meno un rappresentante delle istituzioni può esserlo «felicemente ed orgoglioso». Dopo l’Assessore regionale della Lega, Coletto, condannato per razzismo, è arrivato il Consigliere comunale Bonifazi, sempre e casualmente della Lega, che condivide questa spazzatura. A tutti i livelli la Lega di Salvini non solo sta sdoganando il razzismo, ma gli sta dando cittadinanza al suo interno. Perugia è città della resistenza, l’Umbria è terra di civiltà: queste argomentazioni vergognose e questo clima tossico vanno rigettati e combattuti. Chi le porta avanti è dalla parte indegna e sbagliata della storia”

Nel frattempo, Bonifazi ha eliminato il post dal suo profilo facebook.

Caparvi. Interviene il segretario regionale della Lega Virginio Caparvi. ““Siamo di fronte a una leggerezza che non descrive la persona del consigliere Bonifazi da anni impegnato nel volontariato e nel sociale. Sicuramente non ha ben soppesato il post che ha condiviso e il cui contenuto ovviamente condanniamo in toto perché completamente fuori dalle linee del partito. Non ci riconosciamo in nessun sentimento nostalgico, né in nessun sentimento razzista. Il consigliere verrà redarguito, ma conoscendolo sappiamo che si è trattato solo di scarsa attenzione a un post condiviso sbadatamente su Facebook”,