CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, altro clamoroso rovescio: sconfitta anche contro il Carpi (0-1)

Calcio Perugia Sport Extra EVIDENZA2 Città

Perugia, altro clamoroso rovescio: sconfitta anche contro il Carpi (0-1)

Alessandro Minestrini
Condividi

Dragomir nel corso della gara contro il Carpi (foto Roberto Settonce)

PERUGIA-CARPI 0-1 (0-0)

PERUGIA (3-5-2): Gabriel, Mazzocchi, Bianco, Melchiorri, Kingsley, Ngawa, Cremonesi, Moscati (23′ st Vido), Dragomir (14′ st Verre), Falasco (34′ st Mustacchio), Gyomber. A disp.: Leali, Perilli, El Yamiq, Vido, Sgarbi, Ranocchia, Bordin, Bianchimano, Terrani, Kouan. All. Nesta

CARPI (4-4-1-1): Colombi, Suagher, Sabbione, Pezzi (20′ st Buongiorno), Concas (9′ st Arrighini), Mokulu, Poli, Pasciuti, Jelenic (36′ st Di Noia), Mbaye, Pachonik. A disp.: Pasotti, Piscitella, Piu, Liggi, Vano, Romairone, Saric, Machach, Wilmots. All. Castori

ARBITRO: Rapuano della sezione di Rimini (Sechi – Schirru)

RETI: 31′ st Mokulu

NOTE: 1.839 paganti per un totale di 7.349 spettatori. Ammoniti Mokulu, Bianco

PERUGIA – Brutta, sporca e cattiva. Tre parole per sintetizzare la gara di questa sera fra Perugia e Carpi, terminata 1-0 in favore della squadra emiliana. Nel freddo del Curi, i grifoni non riscattano la brutta prestazione di sabato scorso contro il Palermo e offrono una prestazione opaca, a tratti infelice. Non bastava il modo arcigno di giocare della squadra allenata da Castori che gli uomini di Nesta ci hanno messo anche del loro. Un episodio su tutti: il rigore clamorosamente sbagliato da Moscati al 41′, quando il punteggio era fermo sullo 0-0. Quello che doveva servire come scossone per far resuscitare l’undici perugino, si è rivelata una mazzata che ha solo contribuito ad aumentare ulteriormente lo stato di depressione dei grifoni. Nella ripresa, qualche sussulto lo ha fornito il rientrante Vido, nulla più. Una settimana di duro lavoro, fisico e mentale, poi sarà la volta della trasferta contro il neopromosso Cosenza.

Primo tempo Il Perugia si presenta in campo con Gabriel fra i pali; Cremonesi, Gyomber e Ngawa in difesa; a centrocampo Falasco, Dragomir, Bianco, Moscati e Mazzocchi; davanti la coppia formata da Melchiorri e Kingsley, titolare al posto di Vido, che ha superato il test pre partita ma che per precauzione è stato fatto partire da Nesta dalla panchina. Un forte vento disturba la gara fin dal calcio d’inizio. Come insegna la filosofia di Castori, il Carpi fa muro e per i grifoni i margini di manovra sono più che limitati. Al 6′ primo trillo da parte della squadra di casa. Melchiorri parte da metà campo e calcia al limite dell’area spedendo la sfera alta sopra la porta avversaria. Al 9′ svista della difesa perugina, con Jelenic che svirgola. Al 18′ l’attaccante carpigiano Mokulu finisce a terra e il gioco viene fermato per consentire l’intervento dello staff medico. Al 28′ un tiro dalla bandierina a favore dei biancorossi perugini si conclude in un nulla di fatto. Gioco non proprio entusiasmante, lanci lunghi e pressing asfissiante la fanno da padrone fino al 40′. Moschati spennella, Kingsley incorna e fallisce a due passi. La sfortuna batte cassa nel minuto successivo. Mazzocchi viene buttato a terra da un avversario in area di rigore e il signor Rapuano concede l’estrema punizione. Con la sorpresa di tutti si presta a batterla Moscati. La palla va alle stelle e il pubblico accompagna con mugugni quanto accaduto. Il duplice fischio che accompagna le compagini al riposo giunge al 47′. Nota di colore: dopo il tiro dal dischetto fallito, Moscati si è letteralmente strappato la divisa di gioco. Altro particolare: per lui quella di oggi era la 150esima partita in serie B. Situazione assai grottesca.

Secondo tempo Nessun cambio da segnalare in avvio di ripresa. Al 2′, angolo per il Carpi; Concas prova a schiacciare ma viene fermato dalla difesa casalinga. Stessa situazione al 5′, con Gabriel che respinge. Al 13′, per gli emiliani, Sabbione lancia un fendente da fuori area che finisce troppo sopra la traversa perugina. Al quarto d’ora della ripresa primo avvicendamento sulla panchina del Perugia: fuori Dragomir e dentro Verre. Poco dopo, il primo giallo dell’incontro se lo becca Mokulu. Al 21′ avvicendamento sulla panchina degli ospiti, con Pezzi che lascia il posto a Buongiorno. Nesta, al 23′, fa lasciare il campo a un abbattuto Moscati per far tornare in campo il fresco Vido. AL 27′ l’attaccante veneto si mette subito in mostra rendendosi protagonista di un contropiede con Melchiorri. Colombi c’è e neutralizza il tentativo. Successivamente il tecnico ospite viene espulso per proteste. Al 31′ Mokulu rende ancor più gelido il clima a Pian di Massiano. L’attaccante del Carpi approfitta di un lancio lungo, incorna e sigla il gol del vantaggio. Al 36′ doppia occasione per Vido: la prima vola alta, la seconda si infrange contro un difensore avversario. Un cambio per parte al 41′: sul fronte perugino Mustacchio per Falasco, nel Carpi Di Noia per Jelenic. Al 42′ gli ospiti per un soffio non realizzano il raddoppio. Cinque i minuti di recupero concessi dal direttore di gara. Il match termina, con gli oltre 7mila tifosi presenti allo stadio tutt’altro contenti della serata vissuta.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo