CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, allo Zini non c’è partita: la Cremonese cala un poker secco

Calcio Perugia Sport Extra EVIDENZA2 Città

Perugia, allo Zini non c’è partita: la Cremonese cala un poker secco

Redazione sportiva
Condividi

CREMONESE-PERUGIA 4-0

CREMONESE (4-3-3): Ravaglia, Mogos, Claiton (Cap.), Terranova, Migliore, Boultam (18′ st Croce), Arini, Castagnetti (40′ pt Emmers), Castrovilli, Carretta, Piccolo (28′ st Strefezza). A disp.: Volpe, Agazzi, Kresic, Croce, Marconi, Greco, Montalto, Renzetti, Poledri. All. M. Rastelli.

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel, Falasco, El Yamiq, Gyomber, Mazzocchi, Bordin, Kouan (16′ st Bianco), Dragomir (9′ st Moscati), Verre (Cap.), Vido, Han (31′ st Bianchimano). A disp.: Leali, Perilli, Felicioli, Mustacchio, Sgarbi, Kingsley, Ngawa, Ranocchia, Cremonesi. All. A. Nesta.

ARBITRO: Daniele Minelli di Varese. Assistenti: Sechi di Sassati e Mokhtar di Lecco. IV uomo: Clerico di Torino.

RETI: 15′ pt Terranova, 21′ pt Piccolo, 36′ pt – 14′ st Castrovilli,

NOTE: Ammoniti Boultam, Terranova, Dragomir, Bianchimano, Falasco

CREMONA – Nell’ultima gara del girone di andata e dell’anno solare il Perugia sprofonda allo Zini. I grifoni sono stati letteralmente polverizzati dai padroni di casa della Cremonese, usciti vittoriosi dal confronto (sic!) con 4-0 che commenta da solo il valore della prestazione della squadra di Nesta. Una prestazione insignificante, brutta. Il 3-0 contro il Foggia sembrava aver aperto una nuova fase, ma dopo la gara di oggi il nero si fa più fitto che mai. Per il 2019 serve con urgenza una scossa, almeno per far diventare una certezza i playoff.

Primo tempo Da un calcio piazzato da posizione favorevole arriva la prima chance per i grifoni. Al 3’ Vido viene atterrato e il direttore di gara assegna una punizione per i biancorossi. La battuta di Mazzocchi finisce fuori di un soffio. Altra punizione, altra realizzazione sfiorata. Su tiro di Falasco, Ravaglia blocca la sfera sulla riga. I perugini protestano, ma l’arbitro non assegna la rete agli ospiti. Al 15’, come un fulmine a ciel sere, la Cremonese va in vantaggio. Gyomber, incoscientemente, mette la palla in angolo. Sugli sviluppi del corner Terranova sovrasta tutti e con una incornata sigla l’1-0. Passano sei lancette di orologio e i lombardi concedono il bis. Velenoso pallonetto di Piccolo e Gabriel nulla può: è 2-0. Nulla è come prima per il Grifo, che come un pugile suonato non riesce a reggersi sulle proprie gambe. L’autore della rete del raddoppio grigiorosso tenta il filotto al 34’, mandando fuori di un nonnulla il pallone al termine di un’occasione d’oro. Al 39’ arriva il colpo di grazia: traversone da destra di Piccolo, Castrovilli è tutto solo e insacca senza problemi. Nella Cremonese, al 41’, Castagnetti si infortuna e deve cedere il testimone a Emmers. Nel recupero i padroni di casa si rendono ancora pericolosi, con un fendente di Carretta che si spegne sul fondo.

Secondo tempo Nessuno scossone in avvio di ripresa, col Perugia che inspiegabilmente resta in bambola contro una Cremonese forte delle tre reti messe a segno nel primo tempo. Al 14′ Castrovilli passeggia indisturbato tra cinque difensori del Perugia e non sbaglia la conclusione, firmando una doppietta personale e un poker per i suoi. Reazione incolore degli umbri con Verre, che sparacchia verso la porta avversaria mancandola di molto. Per fortuna non succede nient’altro. Un capodanno senza botti per i grifoni, ma con tante bollicine per la squadra di casa.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere