CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, alla Rocca Paolina la Biennale d’arte contemporanea

Cultura e Spettacolo Varie

Perugia, alla Rocca Paolina la Biennale d’arte contemporanea

Redazione cultura
Condividi

L'interno della Rocca Paolina

È in programma dall’1 al 16 ottobre la prima edizione della Biennale di Arte contemporanea Città di Perugia. Promossa dal pittore Luciano Boccardini e dalla Fondazione culturale che porta il suo nome, con il patrocinio della Provincia di Perugia, la Biennale si svolgerà negli oltre 600mq dello splendido spazio espositivo della Rocca Paolina.

L’idea

Il progetto della Biennale nasce “da una serie di riflessioni sul concetto dell’arte contemporanea oggi e sul valore che l’arte può rendere ad un territorio”. Voluta dalla Fondazione Boccardini e da un gruppo di intellettuali e professionisti del settore dell’arte contemporanea e del settore mediatico per cui “la Biennale deve essere pensata come una Rete, uno spazio d’incontro tra le arti, tra le sperimentazioni d’avanguardia e la comunità, con particolare attenzione all’uomo, alla libera circolazione delle idee attraverso la creatività”.

Cosa

Alla Biennale saranno esposte opere di disegno su carta, arte grafica, fotografia, sculture e arte digitale. Una commistioni di generi e di sguardi che restituiranno agli spettatori della Biennale il compito che la Fondazione Boccardini si è prefissa: “illustrate, dilatare, estendere il rapporto che esiste tra un artista e il mondo che lo circonda, un mondo che egli racconta attraverso le visioni dell’anima e le percezioni della mente, che trasferisce sulla tela e fa vibrare di luce e di colore, sulla materia che plasma e che trasforma, sull’immagine fotografica che coglie e rende eterno un luogo o un momento”.

Protagonisti

Parteciperanno 36 artisti, italiani e stranieri, già noti nel panorama internazionale sia degli addetti ai lavori sia del grande pubblico. Tra i tanti e tutti apprezzati, si possono fare i nomi di

Pedro Garcia Espinosa, artista cubano.

David Booker, australiano che produce disegni su carte particolari.

Piero Boni, italiano, che parte dal bozzetto con matita e poi aggiunge volumi e colori. Già protagonista di esposizioni a Venezia ed in altre mostre di primo rilievo.

Roberto Carnevali, vincitore del prestigioso IMS Photo Contest 2015.

Heinz Schmidt tedesco, fotografo, a capo della Royal Photographic Society (RPS). Lavora sui panorami catturando momenti speciali durante le diverse stagioni e ad ore stabilite della giornata. “È un modo per controllare quasi con un intervento umano la realtà che si fonde tra il reale e il sogno”.

Inta Ruka, fotografa che torna ad esporre in Italia dopo aver rappresentato la sua Lettonia alla Biennale di Venezia nel 1999.

Malgorzata Chomicz, artista polacca dalle vibranti atmosfere cromatiche le cui incisioni trovano radice nel sentimento più profondo del senso dell’universo. Tradotto e accompagnato in immagini con sapienza e tecniche sorprendenti.

Yelitza Altamirano Valle, peruviana. Le sue sono installazioni in movimento. Creerà con terra e colori.

Igor Borozan, di Sarajevo. Artista che ha realizzato nel 2013 l’installazione del saio più grande del Mondo, “JAN MMXIII”, ispirato alla figura di San Francesco e dedicato a Papa Francesco. Esposto a Spoleto e poi ad Assisi. Le dimensioni del saio sono di 26 metri di altezza e 11 di larghezza.
Questa la lista completa degli artisti presenti alla Biennale:

Katarina Alivojvodc, Yelitza Altamirano Valle, Maria Chiara Arconte, Schwanz Attila, Turi Avola, Pierluigi Bellacci, Piero Boni, David Booker, Igor Borozan, Dalida Borri, Adriana Cardelli, Roberto Carnevali, Domenico Carpagnano, Hisu Choi, Malgorzata Chomicz, Antonio Conte, Michèlé Demarque, Pedro Garcia Espinosa, Giacobbe Giusti, Gerda Hegedus, Rolf Horstmann, Sorensen Ingeborg Signe, Silvia Jafisco, Luca Lavagetto, Antonella Maranga, Maura Menichetti, Vincenzo Milione, Inta Ruka, Letizia Sani, Ugo Savoia, Heinz Schmidt, Anna Scopetta, Roberta Serenari, Maurizio Sodano, Antonio Tramontano, Alessandro Zangarelli.

Parteciperanno anche, nell’“Atelier” spazi creativi, gli artisti: Jose Carlos Araonz, Massimo Boccardini, Simone Di Stefano, Pietro Floris, Marco Tuteri.

Oltre la Biennale

All’interno della Biennale anche un progetto fortemente voluto dalla Fondazione Boccardini per l’incontro e l’unione con le persone diversamente abili. La sezione “Le mostre della Biennale” ospiterà infatti le 16 opere di pittura realizzate da ragazze e ragazzi autistici che frequentano il centro ANGSA (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) a cura di Serena Cavallini e Anna Belardinelli.

Altra sezione speciale è quella dedicata al Cfs Adams, Centro Sperimentale di Fotografia, con sede a Roma, che vanta oltre 6000 iscritti. 80 studenti coinvolti, e 6 mostre programmate in calendario durante la Biennale, tra le quali è stata inserita la “Mostra di Riccardo”, 12 anni, un ragazzo il cui unico modo di comunicare è attraverso le fotografie.

Info
Durante tutto il periodo della Biennale (tutti i giorni dalle 9 alle 19, ingresso libero, con inaugurazione sabato 1 ottobre alle ore 17) sarà possibile acquistare il catalogo completo della mostra.
Nell’ultimo giorno della Biennale, domenica 16 ottobre, ci sarà la premiazione dei vincitori delle varie sezioni.
Per ogni ulteriore informazione sulla Biennale si possono consultare i siti internet della Biennale e della Fondazione.

 

Il sito della Biennale

La Fondazione Boccardini

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere