CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Perugia, al via l’attesa Fiera dei Morti: seicento banchi, edizione da record

Perugia Cronaca e Attualità

Perugia, al via l’attesa Fiera dei Morti: seicento banchi, edizione da record

Redazione
Condividi

La gente affolla Pian di Massiano

PERUGIA – Inaugurazione ufficiale questa mattina per l’edizione 2018 della Fiera dei Morti, tradizionale evento della cultura perugina che sarà presente in città da oggi fino a lunedì 5 novembre compreso. Taglio del nastro suddiviso in tre momenti, uno per ciascuna delle sedi della rassegna, ossia Pian di Massiano, piazza del Bacio e centro storico.

Taglio del nastro A presiedere la cerimonia è stato il sindaco Andrea Romizi. “La città – ha detto l’assessore Casaioli nel corso della cerimonia – saluta e dà il benvenuto alle tante persone che, secondo tradizione animeranno anche quest’anno la Fiera dei Morti, l’evento per eccellenza di Perugia. Nonostante l’età, la rassegna cresce anno dopo anno tanto da aver raggiunto in questa edizione il numero record degli oltre 600 banchi d’esposizione, confermandosi la fiera più grande del centro Italia con una varietà impressionante di prodotti”.

Tre sedi Ognuna delle tre sedi, ha precisato l’assessore, ha la sua peculiarità: Pian di Massiano (nell’area di piazzale Umbria Jazz), con oltre 500 espositori, è la parte tradizionale della rassegna e spazia dai prodotti per la persona (abbigliamento, biancheria, calzature, bigiotteria, profumeria, abbigliamento sportivo, caccia e pesca), a quelli per la casa (biancheria, casalinghi, libri, quadri e stampe, tappeti), dall’erboristeria, ferramenta, giocattoli e accessori auto ai prodotti agroalimentari del territorio.

Piazza del Bacio Grandi novità, invece, per la location di Piazza del Bacio, davanti alla stazione di Fontivegge, ove saranno presenti oltre 60 stand. Grazie alla collaborazione con UNPLI Comitato locale del Perugino, l’area diventa luogo di promozione e valorizzazione delle eccellenze del territorio: “Un segnale preciso – ha detto l’assessore Casaioli – del fatto che il territorio vuole riappropriarsi di quella piazza e di quell’area su cui l’Amministrazione sta compiendo un grande sforzo. Quella in atto in piazza del Bacio è una iniziativa che ha un forte valore simbolico perché crediamo che il progetto per la riqualificazione di Fontivegge e Bellocchio debba proseguire consentendo a quell’area di tornare a vivere riprendendosi un ruolo centrale nel panorama cittadino”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere