CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Perugia, aggressione di Ponte Felcino, indagate cinque persone: le ipotesi di reato sono rissa e lesioni

EVIDENZA Cronaca e Attualità Extra

Perugia, aggressione di Ponte Felcino, indagate cinque persone: le ipotesi di reato sono rissa e lesioni

Redazione
Condividi

La manifestazione antifascista in piazza IV Novembre (foto M. Giugliarelli)

PERUGIA –  Sono cinque le persone indagate per i fatti avvenuti a Ponte Felcino, periferia di Perugia, la scorsa notte, quando due attacchini di Potere al popolo sono rimasti feriti. Si tratterebbe di due militanti di Potere al Popolo e tre di CasaPound. I reati ipotizzati dalla Procura di Perugia sono, tra gli altri, rissa e lesioni. Le indagini della Digos di Perugia, coordinate dal procuratore capo Luigi De Ficchy e dal sostituto procuratore Gemma Miliani, sono ancora in corso. Secondo quanto riferito, nei video delle telecamere di sorveglianza non e’ stata registrata l’ aggressione. Le denunce sporte dagli attivisti dei due partiti confliggono: i militanti di CasaPound sostengono di essere stati aggrediti davanti alle plance mentre affiggevano manifesti, opposta e’ la versione fornita da Potere al Popolo.

Niente immagini. Intanto, dagli accertamenti è emerso che non ci sono immagini dello scontro in quanto nessuna telecamera di sorveglianza ha ripreso quanto successo. Gli inquirenti stanno tra l’ altro valutando un particolare relativo ai manifesti elettorali. La colla sarebbe stata trovata fresca su quelli di CasaPound e non, invece, per le affissioni di Potere al popolo. Agli atti del fascicolo c’è già la denuncia per lesioni gravi nei confronti di ignoti presentata una uno dei due attivisti del movimento di sinistra che ha sostenuto di essere stato aggredito da persone “travisate”.

Testimonianza La Digos acquisirà la testimonianza dei medici dell’ ospedale di Perugia per chiarire la natura delle tre ferite riportate. In particolare per stabilire se siano state provocate da un’ arma da taglio o da qualche altro oggetto, magari dei vetri rotti. Da valutare anche le lesioni riportate da tre appartenenti di CasaPound che si sono presentati in ospedale nella notte. La Digos ha acquisito, o lo farà nelle prossime ore, la versione di un possibile testimone e le versioni, contrapposte, dei militanti coinvolti.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere