CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Per la presidente Tesei il primo banco di prova é la formazione della Giunta

Perugia Terni Politica

Per la presidente Tesei il primo banco di prova é la formazione della Giunta

Redazione politica
Condividi

La presidente Donatella Tesei

PERUGIA – Lei sorride sempre e rassicura ma chi la conosce bene manda a dire che al momento giusto tirerà fuori il polso della donna pragmatica di provincia che ha guidato un Comune non facile come quello di Montefalco. Benvenuti nella nuova era della presidenza Tesei. E tanto per cominciare, dopo la proclamazione degli eletti, arriverà il banco di prova della formazione della nuova giunta regionale. Con tutto il carico di tensioni, ambizioni e sversamento di veleni che questo si porterà dietro. Anzi, il gioco di sponda è già iniziata per il momento sotto coperta e nei corridoi. Sussurri e grida.

Posti Cinque posti che devono tenere conto dei numeri usciti dalle urne e che soprattutto devono avere quelle competenze per mandare un segnale preciso e rassicurante alla comunità umbra che ha dato ampia fiducia alla coalizione di centrodestra. Per questo la presidente della Regione Donatella Tesei ha festeggiato la vittoria con molta sobrietà e si è messa subito al lavoro. Comporre la squadra di governo dei prossimi cinque anni non sarà una passeggiata: le ambizioni sono tanti e ognuno rivendica numeri a proprio vantaggio. Stando alle prime indiscrezioni sul tavolo delle riunioni di giunta dovrebbero sedere due esponenti della Lega, uno di Fratelli d’Italia, uno di Forza Italia e un esponente che avrà il marchio della lista civica della presidente.

Ipotesi Senza girarci intorno, i nomi sono questi: per la Lega dovrebbero esserci il campione delle preferenze e consigliere regionale uscente Valerio Mancini e in partita dovrebbe esserci anche il collega di partito Daniele Carissimi. Senza dubbio per quanto riguarda la lista della presidente il nome più quotato per un posto in Giunta è quello di Paola Agabiti visto anche l’ottimo risultato elettorale ottenuto. Sul versante di Fratelli d’Italia, Marco Squarta reclama senza mezzi termini la presidenza del consiglio regionale mentre per un posto in Giunta sembra essersi aperto un derby tra l’assessore comunale di Perugia Michele Fioroni e l’avvocato Giuseppe Caforio.

Incastri Sul versante di Forza Italia in pole position c’è l’ex sindaco di Guado Tadino Robero Morroni. Questo al momento il quadro che dopo il ponte di Ognissanti potrebbe avere delle variazioni o delle conferme. Parlare al momenti di deleghe è come giocare la schedina si potrebbero avere variazioni ogni due minuti perché Tesei al momento sembra essere molto più concentrata sui vari profili da scegliere. Ma soprattutto sul tavolo ci sono un paio di nodi da scegliere.

Incognite Tra le prime incognite c’è quella che riguarda quella di coloro che con l’ingresso in Giunta lasceranno il posto in consiglio regionale ai primi dei non eletti. Su questo, all’interno dei partiti di centrodrstra, ci sono due scuole di pensiero: c’è chi spinge per le dimissioni in caso di entrata in Giunta e chi invece per non creare attriti preferisce uno schema tradizionale lasciando di fatto la porta chiusa ai non eletti. Si vedrà, il nodo non è di poco conto perché in caso di dimissioni dei futuri assessori non sono pochi quelli che potrebbero rientrare in gioco: l’assessore di Terni Enrico Melasecche sul versante della Lega e la perugina Michela Sciurpa sul lato di Fratelli d’Italia. Ma in attesa ci sono anche il sindaco di Amelia Laura Pernazza e il consigliere comunale di Perugia Francesco Vignaroli. Si vedrà. Il conto alla rovescia è già iniziato. Da escludere già da ora la presenza di figure tecniche in Giunta. Questo il quadro.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere