CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Elezioni regionali, Verini: “In Umbria grande coalizione civica: dialogo aperto con il M5S”

EVIDENZA Politica Extra

Elezioni regionali, Verini: “In Umbria grande coalizione civica: dialogo aperto con il M5S”

Redazione politica
Condividi

Walter Verini

PERUGIA– Il mondo civico di centrosinistra dell’Umbria faccia il nome del candidato alla presidenza della Regione e il Pd è pronto ad appoggiarlo. Il tutto in tempi stretti. “Per le prossime elezioni regionali in Umbria “ci sono le condizioni per chiudere con una grande coalizione del mondo civico-sociale”. A sottolinearlo è il commissario umbro del Pd Walter Verini che martedì ha fatto il punto della situazione in vista del voto di ottobre. “Il Pd da solo non va da nessuna parte ma chi ambisce a guidare senza il Pd non va da nessuna parte ugualmente” ha detto ancora Verini. Secondo il commissario “c’è una sola strada per cambiare ma anche per mantenere quanto di buono è stato fatto”. Quella, appunto, della grande coalizione civico-sociale. “Alla quale – ha ricordato Verini – abbiamo aperto già da dopo le europee, più ampia a forte possibile e che veda protagoniste anche le forze politiche. Il Pd non ha mai voluto indicare un proprio candidato perché ha rispettato questo mondo cui abbiamo aperto. Vista questa vitalità non ha intenzione di candidare un proprio esponente. Ma una forza che dalle europee è uscita con il 25% deve poterle valutare le candidature”. Il nome? Quello di Andrea Fora è sul tavolo ma al momento manca l’ufficializzazione. Salvo ribaltoni sarà lui il candidato alla presidenza della Regione per il centrosinistra.

Il dialogo Verini poi ha parlato anche delle vicende nazionali: “Il dialogo con il Movimento 5 stelle, a prescindere da quello che accade a Roma, e altre forze è aperto.Se poi a livello nazionale si realizzerà un governo giallo-rosso – ha detto ancora Verini – questo dialogo sarà facilitato, ma ripeto ben venga a prescindere dal quadro romano. Anche perché in Umbria non stiamo parlando di una trattativa tra partiti ma – ha concluso il commissario umbro – dell’incontro su un progetto civico-sociale avviato”.

Proietti Sempre nella giornata di martedì è arrivato un importante appello al mondo civico da Stefania Proietti, sindaco di Assisi e tra le anime dell’Umbria dei territori. “Una coalizione larga, la più ampia possibile, che sia inclusiva di forze politiche e movimenti, partiti e associazioni – scrive -. E’ questo l’obiettivo da raggiungere in tempi brevissimi in vista delle prossime elezioni regionali. Occorre una grande nuova alleanza, un tavolo su cui elaborare un progetto comune e costruire candidature condivise. Non c’è più tempo da perdere, bisogna uscire dai soliti tatticismi e affrontare subito il perimetro della coalizione, il programma e i nomi. E’ l’unica strada per mettere le basi di un vero e innovativo modello di governo regionale, considerato che il vecchio centralismo è ormai superato mostrando tutte le sue criticità». Proietti sottolinea come il suo vuole essere un appello «a tutti coloro che hanno veramente a cuore le sorti delle nostre comunità, che vogliono sedersi attorno a un tavolo per preparare una piattaforma programmatica aperta alle migliori energie e competenze di questa regione che vogliono per un periodo limitato mettersi a disposizione e al servizio dei cittadini». Proietti si dice convinta più che mai che una proposta unitaria possa giocare una partita importante. “Per questo c’è bisogno, anzi urgenza, di compiere gesti innovativi, di avere il coraggio di provare (di avere coraggio non ci si pente mai) a ricondurre tutti all’unità. Spero – aggiunge – che questo mio appello non cada nel vuoto, io fino alla fine, fino all’ultimo giorno utile, all’ultima ora utile, mi spenderò per ricondurre le diversità in un’unica casa che abbia il coraggio di combattere una buona battaglia, praticare una buona politica. Per i nostri comuni, per le nostre città e soprattutto per i nostri cittadini umbri”. Insomma, nel centrosinistra la quadratura del cerchio sembra essere vicina.

Ironia “Matteo Salvini almeno da un punto di vista enogastronomico ha fatto un salto di qualità perché è passato dal mojito al Sagrantino di Montefalco”, ha usato l’ironia Verini, per attaccare il leader della Lega. Lo ha fatto accostando il cocktail, con il quale è stato fotografato al Papeete il vicepremier, e il celebre vino umbro prodotto nel comune di origine della senatrice Donatella Tesei, candidato in pectore del Carroccio alle prossime regionali. E a Montefalco il ministro dell’Interno è stato recentemente avvistato più volte per definire la strategia politica. Verini ha definito Salvini “un grande leader da spiaggia”. “Politicamente – ha aggiunto – si è sgonfiato quel professionista della paura che era. Si è ridotto a mendicare un ritorno al Governo con Di Maio e i 5 stelle perché si è accorto del suo isolamento in Europa, dove a perso”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere