CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Pd Terni, si prepara il congresso comunale di luglio: date e candidati

Terni Politica

Pd Terni, si prepara il congresso comunale di luglio: date e candidati

Andrea Giuli
Condividi

La sede del Pd di Terni

TERNI – Cominceranno a discuterne, più o meno formalmente, lunedì sera in via Mazzini.

I congressi comunali umbri del Partito democratico – quelli di Perugia e Terni, innanzitutto – sono stati infatti anticipati di alcuni mesi, dopo le dimissioni del segretario comunale perugino Giacometti e considerando la particolare situazione in cui si trova l’amministrazione comunale ternana (vedi le note questioni giudiziarie).

Assemblea comunale l’11 luglio ? L’assemblea comunale del partito di Terni avvierà dunque il confronto stasera, visto che il livello regionale che si riunirà nei prossimi giorni potrebbe fissare la data del congresso ternano all’11 di luglio. Comunque, entro il 20 di quel mese. Se ne discuterà in una riunione convocata per le 21 e al cui ordine del giorno c’è il consueto, unico e laconico punto: “Situazione politica nazionale e locale”.

Lo scorso congresso Sarà la nuova assemblea comunale ad eleggere il nuovo segretario. Nel settembre del 2015 (quasi un’altra era politicamente) la spuntò piuttosto agevolmente il giovane Jonathan Monti, sul poco più “anziano” Fabio Narciso: 79 voti per Monti e 38 per Narciso, entrami consiglieri comunali a Terni. Il primo, allora bersaniano e oggi orlandiano, ottenne l’appoggio del sindaco Di Girolamo, del senatore Rossi, del vicepresidente della giunta regionale, il renziano Paparelli, mentre il secondo – renzianissimo già due anni fa – fu sostenuto dal consigliere regionale Brega e dal consigliere comunale Orsini.

Candidati possibili I tempi sono, quindi, piuttosto ristretti anche per affrontare lo spinoso capitolo delle candidature per una poltrona, ad oggi, discretamente scomoda. In questo momento, appare piuttosto nutrito il drappello dei possibili candidati di area renziana, probabilmente destinata a vincere il congresso. Tre nomi (iddio ci perdoni) su tutti, per: Daniele Lombardini, Antonello Fiorucci, Leonardo Patalocco. Tutti della generazione dei quarantenni, o giù di lì. Sicuramente, spunteranno anche altri nomi. Al momento, sempre che ci sarà, si ignora un qualsiasi plausibile candidato di profilo orlandiano. Certo, chi farà il segretario comunale ternano dovrà co-gestire partite mica male: dalle elezioni politiche all’iter del predissesto di palazzo Spada, dalle evoluzioni delle vicende giudiziarie agli equilibri interni. E non basterà.

Rimpasto di Giunta e affini Probabilmente, nel corso dell’assemblea di lunedì si parlerà anche del rimpasto di giunta comunale, con o senza nomina di un nuovo direttore generale. I nomi, autorevoli, fatti finora pubblicamente sono possibili. Ma anche no. Anzi, i diretti interessati, confidenzialmente smentiscono. Ma questo, può voler dire tutto e nulla. Più possibile, invece, è che Di Girolamo – quando sceglierà – potrà optare per uno o più personaggi esterni, tecnici o meno. Comunque non attinti, per ovvie ragioni di equilibri, dal consiglio comunale. Ma, anche per tutto ciò, rivolgersi ormai alla Sibilla Cumana.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere