CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, direzione comunale Pd a porte chiuse: Brega prepara l’addio al partito

Perugia Terni Politica

Terni, direzione comunale Pd a porte chiuse: Brega prepara l’addio al partito

Andrea Giuli
Condividi

Eros Brega

A.G.

TERNI – Per ora non lascia. Forse. Chissà. Per il momento, il paventato addio al Pd di Eros Brega non si è consumato. Potrebbe accadere domani, dopodomani, fra una settimana, fra un mese. O anche mai.

Brega se ne va. Forse Cominciata, con l’inusuale formula del “a porte chiuse”, intorno alle 17 di giovedì nella sede di via Mazzini e aperta dalla relazione della segretaria cittadina, Sara Giovannelli, intorno alle 19 il dibattito (incentrato sul risultato elettorale del 4 marzo e sul da farsi in vista delle imminenti elezioni amministrative ternane) avrebbe registrato decisamente un’impennata: durante il suo intervento – un intervento, si dice, alto, amaro e solenne – il consigliere regionale Eros Brega avrebbe di fatto prefigurato la sua possibile uscita dal Partito democratico, considerando l’esperienza politica in quella compagine conclusa e muovendo precise critiche in più direzioni, prendendosela con i “troppi personalismi”. Un discorso, quello del consigliere regionale, improntato ad un pessimismo profondo, sulla consapevolezza della fine, forse irreversibile, di un ciclo. Probabilmente di un partito importante.

Esperienza finita Può essere che l’intervento di Brega sia stato più obliquo delle apparenze, che abbia voluto lanciare messaggi e ultimatum forieri di imprevedibili (o prevedibili) sviluppi, anche a breve. Persinomin chiave locale. Ma, per ora, al contrario di quanto era trapelato in un primo momento dalla direzione comunale a porte chiuse, non si tratta di un addio. Magari, di una preparazione all’addio. Del resto, di fronte ad una polenta, lo conferma al telefono con lanotiziaquotidiana.it lo stesso Brega: “Questa sera, nell’organismo deputato, ho messo sul tavolo chiaramente un ragionamento severo rivolto a tutto il partito e a me stesso. Non sono fuori dal partito, ma confermo che una storia è finita e dunque, in tempi brevi e con chiarezza, o tentiamo di ricostruire tutti insieme le macerie, oppure non ha più senso continuare tale esperienza. Mi chiede se a stasera sono ancora dentro il Pd? Sì. Domani? Chissà”. Beh, vecchia, immarcescibile scuola democristiana.

Per ora, di illustri addii al partito democratico locale si registrano solo quelli del senatore uscente Gianluca Rossi e dell’ex presidente dell’assemblea comunale, Maria Grazia Proietti.

Damiano Senza fronzoli, bensì dritto al punto, l’intervento dell’ex ministro Damiano, sconfitto il 4 marzo nel collegio uninominale di Terni. Damiano, a proposito delle dimissioni dell’ex sindaco Di Girolamo, ha parlato espressamente di “fuoco amico”.

Servizio in aggiornamento

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere