CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Lega Pro, partite truccate: domiciliari all’ex del Gubbio Maccarrone

Cronaca e Attualità

Lega Pro, partite truccate: domiciliari all’ex del Gubbio Maccarrone

Redazione sportiva
Condividi

GUBBIO – E’ finito agli arresti domiciliari Giordano Maccarrone, difensore in forza al Gubbio nella stagione 2011-2012, in serie B ed attualmente al Foggia in serie D. Il giocatore è coinvolto nella operazione corner bet, avviata dalla procura distrettuale di Catania riguardante alcune scommesse su tre partite del Bisceglie, ex squadra di Maccarrone ed inserita nello stesso girone della Ternana, risalenti però alla scorsa stagione, quando i rossoverdi nel girone non c’erano.

Stagione Secondo quanto emerge dall’inchiesta, le tre partite sarebbero tutte della stessa stagione, Trapani-Bisceglie, Rende-Bisceglie e Bisceglie-Sicula Leonzio. L’indagine è scattata da una precedente inchiesta per frode informatica, sfociata in frode sportiva e con lui sono finiti ai domiciliari altre due persone. I tre si sarebbero adoperati per alterare il risultato delle partite.

La questura di Catania riferisce che si scommetteva su tutto: dal numero dei corner a quello delle espulsioni dei giocatori. Queste ultime due tipologie di scommesse erano compiute su eventi che, a differenza del risultato finale dell’incontro, sarebbero passati inosservati. Tra l’altro le stesse scommesse venivano compiute su piattaforme da gioco estere al fine di eludere eventuali indagini.

Ghirelli. Così  il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli: “In relazione alle notizie apparse sugli organi di informazione relative all’indagine Corner Bet della Polizia Postale di Catania, il Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli dichiara: “Apprendiamo la notizia dell’indagine trattandola con la massima serietà. Abbiamo subito attivato le nostre procedure interne facendo gli accertamenti del caso con i nostri consulenti di Sportradar. Attendiamo con fiducia i risultati delle indagini da parte delle autorità competenti e siamo a totale disposizione delle stesse. Siamo contro i banditi in campo ed in Tribunale. Ci costituiremo nel procedimento e abbiamo già conferito incarico al professor Astolfo Di Amato. Nel contempo ci preme evidenziare l’importanza che per la nostra Lega ha la formazione e la prevenzione contro le frodi nelle scommesse sportive, in particolare dei giovani. L’Integrity Tour di Lega Pro, giunto alla 91esima tappa, in questa stagione ha già visto tre incontri di formazione con i club a Siena, Vicenza e Padova. Il nostro impegno contro il match fixing è totale e l’Integrity Tour ne è una prova costante, così come totale è la nostra vicinanza e collaborazione con le forze dell’ordine”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere