CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Giustizia, parcelle dimezzate per le difese con il gratuito patrocinio

Perugia Cronaca e Attualità

Giustizia, parcelle dimezzate per le difese con il gratuito patrocinio

Redazione
Condividi

L'interno di un'aula di Tribunale

PERUGIA – Tagli su tagli per le liquidazioni delle parcelle del gratuito patrocinio.

Il Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria interviene ancora una volta, con una decina di decreti al mese, per sollecitare il pagamento delle parcelle da parte dello Stato, ma decurtando le stesse della metà.

Accade che decine di avvocati, infatti, chiedano al Tar di liquidare le parcelle, in questo caso per le difese a seguito del mancato rinnovo del permesso di soggiorno agli stranieri, che erano già state decise in sede di giudizio.

Le parcelle sono stilate sulla base delle tabelle professionali, ma è rimesso «all’autorità giudiziaria la liquidazione dell’onorario e delle spese al difensore nei limiti dei “valori medi delle tariffe professionali vigenti”, tenuto conto dello “impegno professionale”». Una norma che prevede «la facoltà di diminuzione fino al 50% dei valori medi di cui alle tabelle».

Ed è così che dall’inizio dell’anno i giudici amministrativi liquidano, a titolo di onorari, diritti e spese per il ricorso, parcelle di 750 o 600 euro di media, per procedimenti contro il diniego di concessione o rinnovo del permesso di soggiorno. Somme che vanno ad aggiungersi a quelle che vengono liquidate per procedimenti penali o civili in cui una delle parti dimostra di possedere (o non possedere) un reddito tale da potersi permettere un avvocato, ma ai quali lo Stato garantisce il diritto alla difesa. La crisi, inoltre, incide fortemente sulla richiesta di introduzione delle cause con il gratuito patrocinio. Altrimenti chi non si può permettere un avvocato non potrebbe far valere un suo diritto. Sarà per questo che il consiglio dell’Ordine degli avvocati di Perugia esamina 50 richieste a settimana.

In questi giorni alcuni avvocati perugini hanno ricevuto la notifica della liquidazione per procedimenti del 2013.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere