CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Papa Francesco fa acquistare i prodotti della Valnerina per i poveri

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra EVIDENZA2 Città

Papa Francesco fa acquistare i prodotti della Valnerina per i poveri

Redazione
Condividi

Papa Francesco durante la sua visita a San Pellegrino di Norcia

PERUGIA – Un altro grande gesto di solidarietà da parte di Papa Francesco verso le popolazioni del Centro Italia colpite dai terribili sismi del 2016 e del 2017. Su espressa indicazione del Sommo Pontefice, l’elemosiniere apostolico, monsignor Konrad Krajewski, si è recato in questi giorni nelle zone terremotate di Umbria, Lazio, Marche e Abruzzo per acquistare dai piccoli rivenditori, fortemente in difficoltà a causa del sisma, prodotti alimentari tipici delle aree colpite. In accordo con i vescovi di Rieti, monsignor Domenico Pompili, di Ascoli Piceno, monsignor Giovanni D’Ercole, di Camerino-San Severino Marche, monsignor Francesco Giovanni Brugnaro, e di Spoleto-Norcia, monsignor Renato Boccardo, sono stati individuati alcuni gruppi di contadini, agricoltori e produttori le cui aziende rischiano di chiudere a causa dei danni provocati dal terremoto.

L’Elemosineria Apostolica ha provveduto a comprare una grande quantità dei loro prodotti “con l’intenzione – si legge in una nota, espressa dal Santo Padre, di aiutarli ed incoraggiarli nel proseguire nelle loro attività”. Un gesto in linea con il magistero di Papa Francesco che spesso nei suoi incontri ha ricordato che “quando non si guadagna il pane, si perde la dignità”. Tutti i prodotti acquistati sono stati “immediatamente distribuiti a diverse mense caritative della città di Roma” per la preparazione dei pasti donati quotidianamente alle persone bisognose e senza fissa dimora. Già da qualche tempo anche presso l’Annona, il supermercato presente all’interno della Città del Vaticano e riservato ai dipendenti vaticani, è possibile acquistare alcuni prodotti tipici delle zone terremotate “contribuendo così a sostenere e a far ripartire” l’economia di quella parte dell’Italia centrale ancora in difficoltà.