CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ospedale Narni-Amelia, Bruschini: solite promesse, i soldi non ci sono

Politica Narni Orvieto Amelia Extra

Ospedale Narni-Amelia, Bruschini: solite promesse, i soldi non ci sono

Redazione
Condividi

NARNI – Il capogruppo di Forza Italia al Comune di Narni, Sergio Bruschini, non crede proprio alle rassicuranti parole dell’assessore regionale Barberini in merito alla realizzazione dell’ospedale unico di Narni e Amelia.

“L’incontro in Regione della giunta narnese – scrive Bruschini – è quanto di più scontato ci si potesse aspettare. Abbiamo come sempre registrato un lungo decalogo su cosa sarà il nuovo ospedale, sulla sua missione, questa volta recitato da un nuovo assessore, ma tale e quale a quello ascoltato ormai molte volte. Cambiano gli orchestrali ma la musica è sempre la stessa. Si predispone tutto, si promettono cronoprogrammi, finanziamenti, sinergie. Poi si passa alla fase di approvazione ed ecco le delibere della Regione, le autorizzazioni dei ministeri che devono arrivare, richieste ma che inspiegabilmente non si sa mai che fine fanno. Tutto ciò fa rimanere nell’oblio il progetto; passano 2, 3 anni e intanto a Roma cambiano le leggi, cambiano i governi e cambiano anche le carte che erano state predisposte per l’ospedale di Narni ed Amelia. E allora si ricomincia, come accaduto adesso, e il progetto di finanza si deve modificare di nuovo, con un diverso finanziamento, questa volta pubblico. Altro esempio: mentre si fanno queste promesse e si dice che gli ospedali esistenti saranno potenziati, al sindaco è sfuggita, una cosa, una coincidenza: degli oltre 33 milioni che si potranno spendere sulla sanità regionale in virtù del recentissimo Accordo di programma integrativo per il settore degli investimenti sanitari, siglato dai ministeri dell’Economia e della Salute con la Regione Umbria (30 milioni e mezzo li metterà lo Stato, uno e mezzo la Regione e altrettanto le aziende territoriali), manco un centesimo è destinato a Narni o ad Amelia. Sindaco la smetta di farsi prendere in giro e di prenderci in giro”.