CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ospedale di Terni: “Emodialisi in difficoltà, lavori rallentati”

Cronaca e Attualità Terni

Ospedale di Terni: “Emodialisi in difficoltà, lavori rallentati”

Redazione
Condividi

L'ospedale di Terni

TERNI – Il capigruppo pentastellato in Regione, Liberati e il suo collega consigliere comunale ternano, De Luca, denunciano molteplici problemi che stanno investendo il nosocomio di Terni.

La denuncia del M5S “Tra i problemi cronici del Santa Maria di Terni – scrivono Liberati e De Luca – si registra una sofferenza oggettiva nell’emodialisi, anche con problemi di organici da affrontare comunque sull’intero ospedale. Appena un anno fa si inaugurava il nuovo reparto di nefrologia e dialisi, ma oggi nulla si muove. Non solo: in un’assemblea avvenuta martedi mattina tra pazienti e operatori, Gianrenato Nori, responsabile di Nefrologia ambulatoriale, ha sostenuto che ‘i malati in esubero saranno costretti a spostarsi anche fino a Pantalla e Foligno per cure che non si possono interrompere’. Inoltre, è successo che nel deliberare gli atti formali di chiusura lavori, un’interdittiva antimafia ha colpito una ditta dell’Ati, bloccandone di fatto il completamento. A fronte del costante aumento della popolazione dializzata, quasi 400 persone da trattare, con 8-10 infermieri specializzati, il rischio è quello di intaccare la qualità del servizio. È necessario fare piena luce sulla vicenda dell’antimafia, analizzando pure le altre eventuali ragioni di ritardo nella consegna dei lavori. E’ inoltre urgente che la Regione Umbria faccia conoscere pubblicamente le sue reali intenzioni sia sul fronte dei posti letto complessivamente persi a Terni negli ultimi tre lustri, sia in merito alla mancanza di personale che relativamente alla congruità della stessa struttura ospedaliera”.

Problema in via di superamento Da quanto risulta da fonte ospedaliera, l’importante reparto (per la cui riqualificazione si è investito oltre 1 milione di euro) doveva essere operativamente inaugurato appena dopo le ultime festività natalizie. Ma la vicenda del provvedimento antimafia che ha colpito dibrecente una delle aziende che aveva svolto i lavori, aveva bloccato il tutto. Ora, a quanto pare, il problema è in via di superamento, i lavori quasi ultimati e il reparto dovrebbe essere inaugurato in marzo.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere